Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mare, la stagione balneare apre ufficialmente il 3 giugno: pronti i controlli della Guardia costiera foto

In considerazione delle indicazioni di avvio della stagione balneare a partire dal 3 giugno 2020, la Direzione marittima della Liguria ha, oggi, disposto l’integrale applicazione delle Ordinanze di Sicurezza balneare vigenti sull’intero territorio regionale

Genova. A causa delle note restrizioni per il contenimento dell’emergenza sanitaria, Regione Liguria ha dovuto posticipare l’avvio della stagione balneare 2020 di oltre un mese rispetto al tradizionale inizio ai primi di maggio. Per tale ragione, infatti, la Guardia costiera della Liguria aveva disposto la temporanea sospensione delle proprie direttive che, normalmente in vigore dal 1° maggio al 30 settembre di ogni anno, avrebbero costituito un inutile onere per i concessionari balneari, impossibilitati a ripristinare gli arredi e le spiagge già nel mese di aprile u.s..

La comunicazione, delle competenti autorità regionali, di dare avvio alla stagione balneare 2020 dal 3 giugno p.v. ha, quindi, consentito di disporre l’integrale applicazione delle norme che la Guardia costiera dispone per la stagione estiva, allo scopo specifico di garantire la sicurezza dei bagnanti e il corretto uso del mare e delle spiagge. Dal tratto di mare riservato alla balneazione alla presenza degli assistenti bagnanti sugli arenili, dai “corridoi di lancio” per il transito dei natanti alla distanza di sicurezza dai palloni segna-sub, numerose sono le norme che rientrano nell’Ordinanza di sicurezza balneare, approvata localmente dall’Autorità marittima nel rispetto delle esigenze e peculiarità di ciascun territorio.

Come ogni anno i militari delle Capitanerie di porto si preparano, infatti, a pattugliare il mare e il litorale affinché tutti ne possano godere in sicurezza. A tal fine, nel corso dell’estate 2019 sono stati eseguiti oltre 25.000 controlli solo in Liguria. A questa intensa attività di vigilanza si uniscono le 143 persone assistite in mare e le 74 operazioni di ricerca e soccorso condotte dalle unità aero-navali della Guardia costiera nel tratto di mare prospiciente la regione.