Quantcast
Ripartenza

‘Mantegnî ‘na distansa de quattro slerfe’, il metro si misura in focaccia nei locali genovesi alle prese con la fase 3

L'iniziativa "bilingue" è stata lanciata dall'associazione di categoria Confesercenti. I cartelli faranno la loro comparsa in bar e ristoranti

Cartelli in genovese Confesercenti

Genova. Qualcuno strabuzzerà gli occhi nel vedere il cartello con la scritta “In acòrdio co-e mezue pe contegnî e gestî o Covid 19 mantegnî ‘na distansa de quattro slerfe de fugassa”, ovvero “In accordo con le misure di contenimento e gestione del Covid 19 mantenete una distanza di almeno un metro”, ma chissà che il concetto non resti maggiormente impresso. Un metro = quattro slerfe (ovvero pezzi, ma non dobbiamo tradurlo vero?) di focaccia, di quelle generose ovviamente.

Dalla lingua e dalla cultura genovese all’italiano, in uno dei momenti più complessi per il settore della somministrazione di cibo e bevande. Quella che abbiamo citato è solo una delle varie insegne “bilingue”, in italiano e in dialetto pensate dalla Fiepet, l’associazione di categoria di gestori pubblici esercizi di Confesercenti. Anche perché per un po’ l’inglese, il francese, il tedesco e il russo non saranno altrettanto utili (visto il blocco delle frontiere almeno fino al 3 giugno).

La nostra cartellonistica è “superba” – dicono da Confersecenti – lanciando l’iniziativa che comparirà come vetrofania sugli ingressi di molti negozi e che è stata realizzata grazie ad alcuni partner privati e all’esperto di lingua genovese Franco Bampi.

Altre immagini saranno dedicate all’utilizzo obbligatorio della “mascherin-na”, al rispetto delle linee tracciate per terra, alla necessità di prenotare i tavoli e si troveranno in ristoranti, bar e locali. Nella nostra gallery le potete leggere (e tradurre) tutte.

leggi anche
  • Da domani
    Toti vara l’ordinanza, ecco cosa riapre in Liguria: negozi, ristoranti, piscine e anche le scuole guida
    Generica
  • Da lunedì
    Sì alla consumazione al banco, no al buffet: così riaprono bar e ristoranti. Ascom Genova: “Ora ci sono le premesse per ripartire”
    Buffet
  • Ripartenza?
    Primo caffè al bar dopo il lockdown: “Aperti ma senza clienti, così non paghiamo neanche la luce”
    Generica