Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La “colonna infame” per Paganini finisce inglobata dal cantiere (con tanto di bagno chimico)

Il giorno dopo la votazione a Tursi per dedicare il nuovo ponte al grande violinista, in Sarzano si consuma l'ennesimo "scempio"

Più informazioni su

Genova. La riconoscenza dei genovesi nei confronti di Niccolò Paganini, ritenuto da alcuni il più grande violinista di tutti i tempi, va quantomeno a singhiozzo. Nel 1973 la sua casa viene abbattuta, e otto anni dopo gli abitanti del centro storico erigono in Sarzano una “colonna infame” a imperitura memoria dello scempio. Martedì scorso il consiglio comunale approva una mozione per dedicare a lui il nuovo viadotto sul Polcevera, e il giorno dopo quella colonna finisce dietro le transenne, quasi nascosta da una baracca da cantiere impreziosita da un bagno chimico.

La questione è saltata subito all’occhio degli abitanti e segnalata al Comune. Ma a quanto pare le ragioni del decoro non sono state sufficienti a trovare un’altra collocazione. Nella stessa piazzetta, a ridosso del muretto che delimita vico Tre Re Magi, è presente da mesi un deposito di materiale di risulta – in lingua locale si chiamerebbe zetto – frutto dei lavori su un nuovo immobile di Arte in vico del Dragone.

Generica

Il nuovo gabbiotto, il bagno da cantiere e le transenne che delimitano il tutto sono comparse invece ieri, e sono da ricondurre ad altri lavori privati nella stessa zona. Da quanto risulta lo scenario dovrebbe rimanere immutato per circa un mese, la durata necessaria a ultimare gli interventi.

Così ora, mentre la città dibatte se sia giusto o meno consegnare la memoria di Paganini a quel nuovo ponte così significativo, l’unico monumento che lo celebra è di fatto inaccessibile. Inglobato in un’area di servizio come qualunque arredo urbano. Certo, nessuno ha mai visto la coda davanti a quella lapide e comunque ci sono problemi più importanti da risolvere. Rimane però una goccia di amarezza: al grande musicista genovese non resta altro che una chance nella toponomastica per non finire dimenticato dai suoi concittadini.