Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Inseguimento a duecento all’ora in A12: pusher 55enne arrestato dai carabinieri

L'uomo era fuggito in auto scappando alt dei carabinieri a Lavagna e imboccando l'autostrada a tutta velocità

Lavagna. I carabinieri del nucleo Operativo e radiomobile della Compagnia di Sestri Levante, nella serata di lunedì, hanno arrestato un 51enne pregiudicato, B.R. originario di Lavagna, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

L’operazione ha preso le mosse da un’attività di controllo del territorio, finalizzata alla prevenzione generale dei reati. A Lavagna i militari hanno notato l’uomo in atteggiamento sospetto aggirarsi in automobile per le vie del paese. Hanno deciso di seguirlo, intimandogli di accostare il veicolo e fermarsi per una verifica dei documenti. L’uomo, a bordo di una Fiat Punto Sporting, per tutta risposta, si è diretto verso il casello ed ha imboccato l’autostrada in direzione La Spezia.

Qui, per sottrarsi al controllo, si è dato alla fuga, toccando velocità che hanno più volte superato i 200 chilometri orari, sorpassando a destra e a sinistra, mettendo a rischio non solo la propria incolumità, ma anche quella degli altri automobilisti. I carabinieri lo hanno seguito con prudenza, senza mai perderlo di vista anche quando ha imboccato l’uscita di Deiva Marina, pensando di farla franca, gli uomini dell’Arma sono piombati alle sue spalle.

È stato in quel momento che l’uomo ha deciso di disfarsi di un involucro che portava con sé e che era il motivo della fuga, gettandolo dal finestrino della sua auto. Ma ai militari quest’ultimo gesto disperato non è sfuggito e, dopo una breve ricerca nel vicino prato, hanno rinvenuto il sacchetto. All’interno c’erano 20 grammi di polvere bianca, che sottoposta a test speditivo di analisi è risultata essere cocaina. Opportunamente tagliata, sul mercato locale avrebbe fruttato oltre 10 mila euro

L’autovettura, invece, è stata sequestrata perché risultata intestata ad un noto prestanome che opera nel Tigullio e che i carabinieri della Compagnia di Sestri Levante hanno accertato essere intestatario di oltre 300 autovetture. B.R. è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo le formalità di rito è stato associato al carcere di La Spezia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria