Per capire meglio

Coronavirus, i numeri in Liguria: in provincia di Genova un positivo ogni 168 abitanti

In Liguria un positivo ogni 181 abitanti. Il dato italiano è di uno ogni 281

Grafici statistici coronavirus Liguria al 6 maggio

Genova. Capire l’evoluzione dell’epidemia di coronavirus in Liguria attraverso i numeri. Proviamo a farlo in un ciclo di articoli realizzati con il contributo di Luca Fusaro, laureato in Economia applicata ed esperto di elaborazione grafica di dati statistici. Le fonti sono i dati Istat sulla popolazione al 30 novembre 2019 e quelli che ogni giorno vengono diffusi dal ministero della Salute.

Il peggio sembra essere alle spalle, ma non bisogna abbassare la guardia perché in Liguria, al 6 maggio, risulta un malato di coronavirus ogni 181 abitanti, se si rapporta la popolazione ai casi totali (il dato italiano è di uno ogni 281).

In provincia di Genova si registra un positivo ogni 168 abitanti, mentre in quella di Savona uno ogni 207. La più colpita è quella di Imperia con uno ogni 155, mentre La Spezia “solo” uno ogni 253.

grafici statistici coronavirus liguria al 6 maggio

La ripartizione dei casi vede una concentrazione nella provincia di Genova più della metà dei positivi accertati, ma andando a vedere il rapporto tra casi totali e popolazione, emerge che Genova è al secondo posto con lo 0,59%, mentre Imperia segna uno 0,65%.

Savona è terza con 0,48% e La Spezia si conferma la migliore con 0,40%.

Per far capire meglio l’andamento storico dell’epidemia, Fusaro ha elaborato la cosiddetta “media mobile”. Ogni giorno il dato si riferisce alla media dei nuovi casi dei 7 o dei 15 giorni precedenti.

Grafici statistici coronavirus Liguria al 6 maggio

“Alcuni medici – spiega Fusaro – mi hanno chiesto di farla a 15 giorni. Chiaramente, come si può vedere dal grafico, quella a 15 giorni tende a scendere di meno rispetto a quella a 7, ma rende meglio l’idea del trend”.

Nella media mobile a 15 giorni il picco c’è stato il 6 aprile con 201 casi. Al 6 maggio invece sono 120.

Nella media mobile a 7 giorni il picco c’è stato il 27 marzo con 215,4 casi. Al 6 maggio si è arrivati a 100,4.

Grafici statistici coronavirus Liguria al 6 maggio

L’incremento giornaliero invece ha avuto un andamento molto più altalenante, con il picco raggiunto a fine marzo con 262 casi. Il 6 maggio si è scesi a 76, ma l’andamento sembra tornare leggermente a salire, visto che nei due giorni precedenti si era arrivati attorno ai 50 per poi risalire a 73.

In calo ormai da parecchi giorni la variazione giornaliera dei casi totali in Liguria.

Il grafico sottostante evidenzia come ormai ci sia poca differenza tra un giorno e l’altro, nonostante l’aumento dei tamponi.

Grafici statistici coronavirus Liguria al 6 maggio

Ieri Alisa ha diffuso il tasso di contagiosità R0/Rt della Liguria pari a 0,75: si tratta del “numero di riproduzione di base” che rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione mai venuta a contatto con il virus. Questo parametro misura la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva. Più è vicino a zero meglio è.

La nostra “fotografia” dell’epidemia in Liguria attraverso i numeri proseguirà domani con i dati riguardanti i tamponi effettuati.

leggi anche
Generica
Prima volta
Nessun decesso per Covid-19 all’ospedale San Martino: non accadeva da 2 mesi
Generica
Bollettino
Coronavirus, in Liguria il numero dei guariti doppia quello dei morti ma non bisogna abbassare la guardia
Donare sangue
Segnali positivi
Coronavirus, una banca del plasma iperimmune anche in Liguria. Viale: “Pronti a sperimentazione”
numeri coronavirus in Liguria, i tamponi
Tutti i dati
Coronavirus, i numeri in Liguria: ancora pochi tamponi, ma mirati
Generica
Buona notizia
Coronavirus, Toti: “R0 sceso a 0,45, continuiamo così e il 20 maggio avremo zero contagi”
Coronavirus, i numeri della Liguria a confronto con altre Regioni
Paragoni
Coronavirus, i numeri in Liguria: terza regione in Italia per tasso di letalità
Generica
Bollettino
Coronavirus, i contagiati attuali in Liguria tornano sotto le 5000 unità e si “svuotano” le terapie intensive