Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Carige, l’assemblea dà l’ok al raggruppamento di azioni per preparare il ritorno in borsa

Riunione in remoto per rispettare le normative di sicurezza anti-Covid. Semestrale attesa in piena estate

Più informazioni su

Genova. L’assemblea in streaming, organizzata per rispettare le normative anti-Covid, degli azionisti di Carige ha dato il via libera alla proposta di raggruppamento delle azioni e la conversione facoltativa delle risparmio in ordinarie e ha autorizzato il cda a rinunciare alle azioni di responsabilità nei confronti degli ex amministratori Cesare Castelbarco Albani e Piero Luigi Montani. Il primo punto all’ordine del giorno era un passaggio fondamentale, nell’ambito della nuova Carige all’80% sotto il controllo del Fondo Interbancario, per preparare il ritorno in borsa.

“L’assemblea ha deliberato in sede straordinaria – si legge in una nota dell’istituto di credito – l’approvazione di un’operazione di conversione facoltativa delle azioni di risparmio della banca in azioni ordinarie di nuova emissione secondo un rapporto di conversione pari a 20500 azioni ordinarie per ogni azione di risparmio che sarà portata in conversione;

– l’approvazione di un’operazione di raggruppamento delle azioni ordinarie e delle azioni di risparmio in circolazione nel rapporto di una nuova azione ordinaria, avente godimento regolare, ogni 1000 azioni ordinarie esistenti e una nuova azione di risparmio, avente godimento regolare, ogni 1000 azioni di risparmio esistenti”

“L’assemblea – si legge ancora nella nota – ha deliberato di autorizzare il consiglio di amministrazione a rinunciare alle azioni di responsabilità a suo tempo intraprese nei confronti degli ex Amministratori Cesare Castelbarco Albani e Piero Luigi Montani”.

Il cda di Carige approverà la semestrale entro la fine dell’estate, per quanto riguarda i numeri a partire dalla fine del commissariamento (febbraio 2020) mentre i commissari presentare i dati sulla gestione da gennaio 2019 a gennaio 2020 entro il 31 maggio.