Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cantiere del ponte, gru colpisce cavi elettrici: boato, scintille e calo di tensione in vari quartieri foto

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, non si segnalano feriti

Più informazioni su

Aggiornamento ore 11:00 E’ stata riaperta al traffico attorno alle 10.30 via Fillak, dopo l’intervento dei tecnici di Terna che hanno rimosso il cavo dell’alta tensione che si è danneggiato ieri sera.

Si sono intanto conclusi i rilievi da parte degli enti di vigilanza e già da questa mattina il lavoro prosegue regolarmente in tutto il cantiere.

A quanto risulta dalle prime analisi, a cui seguiranno altri approfondimenti sulla dinamica operativa, il mezzo – una gru gommata – si è avvicinato ai cavi dell’alta tensione che sovrastano la zona del cantiere nel lato levante. Verosimilmente, si è ingenerato un “arco elettrico” – tra un cavo e la gru – e si è determinato il fenomeno acustico avvertito dai cittadini della zona. Non si è registrato nessun ferito e non sono presenti situazioni di pericolo sul sito.

Genova. Un boato e un lampo, come durante un temporale, e poi un calo di tensione nel quartiere. E’ quanto hanno percepito tra Certosa e il Campasso questa sera intorno alle 21. Il forte rumore e la luce provenivano dalla zona del cantiere del nuovo viadotto sul Polcevera.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando centrale. A quanto risulta dalle prime informazioni fornite dagli stessi pompieri il braccio di una gru ha colpito i fili della linea dell’alta tensione provocando le scintille e appunto un calo di tensione avvertito in zona ma anche in altri quartieri da Sestri Ponente a Quezzi.

Ai vigili del fuoco non risultano feriti, cosa confermata anche dalla struttura commissariale, e la situazione sembra essere rientrata. “Sono in corso ulteriori approfondimenti”, spiegano. Questa sera era prevista la chiusura di via Walter Fillak per alcuni lavori di saldatura in quota sugli impalcati. Probabile che la gru fosse quella che doveva portare gli operai in alto.