Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aggrediscono un residente che voleva sventare un furto e puntano un coltello contro i carabinieri: due arresti

I militari hanno dovuto ricorrere allo spray al peperoncino

Sestri levante. Ha visto due malintenzionati scavalcare il cancello di un’abitazione, così li dopo aver intimato inutilmente ai due di andarsene ha parcheggiato la sua auto poco piu avanti per avvertire il custode della villa. E’ successo ieri pomeriggio in via Fasce a Sestri levante.

A quel punto l’uomo si è visto raggiungere dai due che hanno cominciato ad aggredirlo verbalmente ed a minacciarlo. Uno dei due ha aperto la portiera e lo ha colpito con un pungo al volto, intimandogli di consegnargli il cellulare. Al suo rifiuto, l’aggressore si è appropriato di un mazzo di chiavi appoggiato sul sedile del passeggero e continuando a minacciare la vittima con frasi del tipo “so dove abiti, stai attento a quello che fai” ha reiterato l’intimazione a farsi consegnare il telefono.

Al perdurare del rifiuto, la vittima è stata colpita con il mazzo di chiavi lanciatole in faccia poi i due malviventi, hanno deciso di darsi alla fuga.

Sulla base della descrizione e delle indicazioni fornite ai Carabinieri, i due uomini sono stati fermati nei pressi della stazione ferroviaria di Sestri Levante. Accompagnati in caserma, uno dei due ha minacciato di morte ed insultato più volte i militari. Benché invitato alla calma, l’uomo è andato completamente in escandescenza e dopo aver tirato fuori dalla tasca un coltello a serramanico ed averne estratto la lama, lo ha puntato nei confronti dei carabinieri ripetendo le minacce di morte nei loro confronti A quel punto i Carabinieri hanno utilizzato lo spray in dotazione per poterlo disarmare. Successivamente il malvivente è stato accompagnato in ambulanza presso il Pronto Soccorso di Lavagna da cui è stato poco dopo dimesso.

I due uomini, pluripregiudicati del posto, sono stati arrestati per tentata rapina e resistenza a pubblico ufficiale aggravata dall’uso dell’arma.