Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Riaprire aziende dopo Pasqua? Fiom Genova: “Solo se in sicurezza”

Più informazioni su

Genova. In questi giorni diversi imprenditori chiedono la riapertura delle fabbriche assicurando ai dipendenti tutte le garanzie sanitarie.

“Molte di queste dichiarazioni si scontrano con la realtà” denuncia tuttavia la Fiom Cgil di Genova

“E’ il caso ad esempio di Fincantieri, dove sono state proposte mascherine non certificate dall’Istituto Superiore di Sanità, che si deteriorano velocemente e fatte con materiale scadente che provoca irritazioni. La Fiom Cgil non è disponibile a firmare alcun accordo di rientro se queste sono le condizioni di lavoro” spiega il segretario Bruno Manganaro.

“La strada per arrivare a soluzioni condivise c’è ed è la contrattazione sull’organizzazione del lavoro: presenze, turni, strumenti di sicurezza, produzioni urgenti o meno. Lo abbiamo fatto con Mittal e con Ansaldo Energia verificando ogni giorno il rispetto degli accordi e lo faremo con tutti coloro che ce ne daranno la possibilità”.

“Se c’è chi pensa di avere il potere di decidere e quindi di muoversi senza il consenso dei lavoratori assumendo salute e sicurezza come danni collaterali dell’attività – ammonisce la Fiom – deve sapere che non rimarremo in silenzio. Se serve tempo per lavorare in sicurezza prendiamoci tempo”.