Quantcast
Proposta

Pisani (Liguria Popolare): “Presentato odg perché si trovino misure di sostegno alle famiglie per la fase 2”

gabriele pisani

Genova. Un ordine del giorno per sostenere le famiglie nella fase di ripartenza o fase 2, è quello che è stato presentato dal gruppo Liguria Popolare. Firmatari sono Gabriele Pisani capogruppo, e i consiglieri regionali Andrea Costa e Vittorio Mazza.

“Dobbiamo programmare la ripartenza e per farlo è necessario essere pronti su tutti i fronti – dice il consigliere regionale di Liguria Popolare Gabriele Pisani – per questo ho ritenuto necessario presentare un ordine del giorno che impegni il presidente e la giunta regionale ad attivarsi già da ora, direttamente e presso tutte le sedi ritenute più opportune, affinché siano previsti aiuti straordinari nella fase di “ripartenza” a tutta la rete di sostegno alle famiglie, in particolar modo per la gestione dei figli della fascia preadolescente, al fine di potenziarla e renderla adatta a superare le nuove regole dettate dal distanziamento sociale”.

L’ordine del giorno nasce dalla consapevolezza che il picco di coronavirus è stato contenuto grazie al grande lavoro di tutti, in particolare degli operatori sanitari, e che oggi è necessario rimettere in moto il Paese dal punto di vista economico e sociale con una ripartenza ordinata e graduale.

“Ma bisogna valutare non solo cosa e come aprire, ma anche quali saranno gli effetti sulle famiglie e come sopperire ai disagi che si verranno a creare – aggiunge Pisani – Va infatti posto l’accento sul fatto che spesso il primo e unico aiuto nella gestione dei figli per molti genitori sono i nonni, che fanno parte della fascia più a rischio, e che le nuove limitazioni sociali dettate da questa pandemia vedranno sparire o renderanno impossibili molti dei servizi classici di accudimento e cura dei bambini, come asili nido e baby sitter”.

“Bisogna quindi trovare aiuti e soluzioni per le famiglie – concludono i consiglieri di Liguria Popolare – per essere preparati a gestire su tutti i fronti la fase 2”.

Più informazioni