Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Luca, malato di coronavirus a 37 anni: “Dall’ospedale a casa, poi abbandonato a me stesso”

Dimesso dal pronto soccorso dopo quattro ore: "Pensavo fosse una semplice influenza, mai vissuto niente del genere. Nessuno mi ha chiamato per sapere come sto"

Più informazioni su

Genova. “Ora sto meglio, so solo che il mio periodo di quarantena termina il 13 aprile. E sono preoccupato per mia moglie e i miei figli”. Ci risponde al telefono con voce tranquilla, perché adesso il peggio è passato, ma a intervalli regolari un lungo e violento colpo di tosse giunge a frammentare il discorso. Luca Benvenuti, 37 anni, genovese, è uno dei tanti contagiati dal coronavirus. Nonostante la giovane età e il passato da calciatore a livello agonistico. All’ospedale ci è arrivato nel momento più critico, ma dopo qualche ora si trovava già a casa.

“Ho iniziato ad avere i primi sintomi il 18 marzo – racconta -. Mi è venuta la febbre fino a 38 e mezzo, poi è arrivata la tosse“. Luca, che lavora in banca a Sturla, si insospettisce da subito: “La settimana prima avevamo saputo di un collega con gli stessi sintomi, risultato positivo. Fino ad allora nessuno di noi pensava di poter essere contagiato o contagioso. Dal 16 marzo la filiale era stata chiusa per la sanificazione, ma io avrei comunque iniziato a lavorare in smart working”.

Temendo di essere stato infettato, “anche perché non avevamo né mascherine né guanti ed eravamo a contatto col pubblico“, Luca chiama il numero del ministero della salute 1500. “Mi hanno rimandato dal medico di famiglia e mi hanno dato solo qualche consiglio: stare a casa, prendere un antipiretico, tenere monitorata la situazione con un saturimetro, che per fortuna tenevo già a casa perché mia madre aveva avuto problemi respiratori”.

La malattia peggiora giorno dopo giorno e il 29 marzo, una domenica, il livello di saturazione del sangue scende sotto la soglia di sicurezza, portandosi a 91. Scatta la chiamata al 112. “Sono venuti a prendermi in ambulanza. E’ stato il momento peggiore, sentivo i miei bambini piangere sul terrazzo”, ricorda Luca.

Giunto al pronto soccorso del San Martino verso mezzogiorno, viene sottoposto a tutte le procedure del caso: anzitutto il tampone, poi prelievi, radiografie, elettrocardiogramma. La diagnosi è quella tipica da Covid-19: polmonite interstiziale bilaterale. “Ma visto che sono giovane e in buona salute mi hanno rimandato a casa, dicendo che mi avrebbero monitorato”. E così alle quattro del pomeriggio è di nuovo tra le mura domestiche.

E qui inizia il lungo periodo di quarantena, isolato dal resto della famiglia. Quel che non torna è, appunto, il monitoraggio. “Da allora nessuno mi ha mai chiamato – denuncia Luca – se non per dirmi che il tampone era risultato positivo”. Né dalla Asl né dall’ospedale. “Nessuno si è sincerato del mio stato di salute, nessuno è venuto a controllare. Vieni lasciato al tuo destino: se ti senti male, sei tu che devi farti vivo. Non mi aspettavo che fosse così”. E al disagio della malattia si aggiunge l’ansia, perché “sappiamo che questa polmonite ha un decorso rapidissimo, quindi potrebbe essere sempre troppo tardi”.

Generica

La preoccupazione si estende naturalmente ai propri cari: “Mia moglie per fortuna è asintomatica. Anche lei è stata messa in isolamento ma non ha mai fatto il tampone, anche se suppongo sia positiva. I bambini stanno bene. Temevo che i miei suoceri si potessero ammalare, ma è da settimane che non ho rapporti con loro”. Adesso, con Lucia e i piccoli Edoardo e Irene di 8 e 5 anni, si vive da separati in casa: “Abitiamo su due piani, quindi riusciamo a mantenere le distanze anche se non è facile, soprattutto negli spazi comuni”, spiega Luca.

Il cammino verso la guarigione è ancora piuttosto lungo. E l’esperienza è di quelle che segnano: “Psicologicamente sono sereno, però non avevo mai vissuto niente del genere. E anch’io, come tanti, sottovalutavo il problema e pensavo che fosse solo una semplice influenza. Certo, adesso ho cambiato idea”.