Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fase 2, su A26 gallerie chiuse e chilometri di cantieri, i cittadini della Valle Stura: “Sarà un’odissea”

"Nel frattempo la nostra richiesta di esenzione del pedaggio è rimasta lettera morta"

Genova. Un’unica corsia aperta da Masone a Voltri, gallerie chiuse e cantieri ancora operativi: questa è l’A26 a pochi giorni dalla fine del lockdown totale, con la previsione di una ripresa di molte attività produttive che porterà a far crescere il traffico privato e pesante sulla principale direttrice tra Liguria e il nord ovest del paese.

Sarà un’odissea – scrive in un comunicato stampa il GruppoViabilità Valli Stura e Orba, che in questi mesi si è attivato in rappresentanza dei residenti della vallata – la situazione in cui ci si trova a pochi giorno dall’inizio della fase 2 è addirittura peggiorata rispetto a prima, e non è dato sapersi a che punto siano i lavori sotto la galleria Bertè chiusa da dicembre, e sotto le altre gallerie chiuse in queste settimane”.

Ma non solo: nel tratto verso nord, tra Masone e Ovada sono operativi altri cantieri: “Non sappiamo quale sia lo stato dei lavori nella galleria Roccadarme, chiusa dopo ispezioni notturne lo scorso febbraio, e mai più riaperta“.

“Ci saremmo attesi che in questo lungo periodo di fermo del paese per l’emergenza Covid-19 Autostrade per l’Italia non solo avrebbe potuto finire i lavori sotto la galleria Bertè, ma anche terminare le ispezioni sotto le altre gallerie”. Una evoluzione, quindi, che potrebbe impattare pesantemente con il rinnovato traffico di pendolari e mezzi pesanti.

“Nonostante tutti i disservizi, rimane ad oggi ancora lettera morta la nostra richiesta di esenzione dal pedaggio avanzata dal nostro gruppo e portata nelle sedi istituzionali dai sindaci nei nostri comuni – concludono – segno ulteriore della mancanza di sensibilità e di rispetto per noi cittadini, contribuenti ed utenti”.