Il caso

Coronavirus, scoppia la polemica sui dati in Liguria. Il Pd: “La Regione segua il sistema nazionale”

"In questo modo si rischia di trasmettere ai cittadini un messaggio distensivo sbagliato e pericoloso"

Genova. “Chiediamo alla Regione Liguria e in particolare ad Alisa di trasmettere i numeri sull’emergenza Covid-19 seguendo il sistema adottato dalla Protezione civile nazionale e dalle altre Regioni italiane. Non solo perché in una situazione come questa ci vuole un’uniformità di informazione su tutto il territorio, ma anche perché altrimenti non si riesce ad avere l’esatto riscontro sui dati e diventa assai difficile fare della valutazioni comparative e comprendere su quali elementi lavorare”.

Lo dice in una nota il gruppo del Partito Democratico in Regione dopo il dibattito esploso online sui dati della Regione che ieri parlavano di soli “19 positivi” in più in Liguria rispetto al giorno prima. Stamattina abbiamo provato a spiegare in un articolo il motivo di questa scelta: i numeri della regione non si riferiscono ai casi totali da inizio emergenza, ma alle persone attualmente positive al coronavirus. Dal computo totale (e quindi dall’incremento giornaliero) vengono esclusi sia i morti sia i guariti con doppio tampone negativo, che non sono più rilevanti per il sistema sanitario. Un metodo assunto già nei primi giorni di esplosione del contagio.

“Non facciamo dello pseudo federalismo d’accatto anche nella trasmissione dei numeri sul coronavirus – accusano però i consiglieri Pd -. Almeno sui numeri chiediamo chiarezza. Com’è possibile che la Regione abbia detto ieri che le persone positive erano 19 in più del giorno prima, quando la Protezione civile nazionale ne calcolava 103, quasi sei volte di più? Perché per la Regione il totale delle persone positive in Liguria ieri era di 4539, mentre la Protezione civile nazionale parlava di 6039? Che fine hanno fatto i 1500 casi in meno riscontrati da Alisa? È evidente che stiamo parlando di aggregazione di numeri in modo assai diverso (è quanto abbiamo appunto spiegato, ndr), ma in questo modo si rischia di trasmettere ai cittadini un messaggio distensivo sbagliato e pericoloso.

“La magistratura ha già avviato un’indagine e, in attesa che la giustizia faccia il suo corso, chiediamo che l’amministrazione fornisca i dati in modo univoco e uniforme. Non vorremmo che, a fronte del fatto che la Liguria è oggi la regione in cui si fanno meno tamponi pro capite, nonostante un tasso di letalità molto elevata, questa diversa lettura dei numeri portasse ulteriormente ad abbassare la guardia sul numero dei tamponi effettuati e da effettuare, ancora del tutto insoddisfacente. In questo modo rischiamo di creare danni anche dopo la fine del lockdown, visto che a emergenza rientrata ci potremmo trovare con un alto numero di contagiati di cui non sapevamo l’esistenza”, conclude il Pd.

Più informazioni
leggi anche
  • La replica
    Coronavirus, Alisa: “Ecco perché i nostri dati sui contagi non includono morti e guariti”
  • Spieghiamo di nuovo
    Coronavirus, contagiati in Liguria: perché i conti non tornano mai? Ecco come stanno davvero le cose
  • Parlano i numeri
    Coronavirus, ecco perché secondo il governo i casi in Liguria sono molti di più
  • La situazione
    Coronavirus, in Liguria altri 38 morti nell’ultima giornata: gli ospedali continuano a svuotarsi
  • Risposta
    Coronavirus, Toti: “I nostri dati sono più corretti, continueremo a comunicarli in questo modo”