Genova.”Non esiste inoltre una relazione tra il numero dei decessi e il numero dei tamponi effettuati sulla  popolazione, la distribuzione è del tutto casuale. Fare i tamponi naturalmente serve, ma è importante che ai tamponi siano accompagnate azioni programmatorie”.

Lo ha detto Filippo Ansaldi, direttore del servizio di prevenzione di Alisa, per chiarire il tema della mortalità in Liguria che appare molto elevata rispetto a quella di altre regioni. “La mortalità per coronavirus dipende macroscopicamente da due fattori: la demografia della popolazione e il periodo di circolazione del virus. Se voglio confrontare ad esempio due regioni per correggere la differenza demografica è necessario utilizzare un processo detto di standardizzazione. Il nostro tasso di mortalità è sovrapponibile a quello di Piemonte e Marche“.

 “E’ evidente – ha detto Ansaldi – che se il virus circola da più tempo avremo più morti. La Liguria ha un tasso standardizzato di mortalità inferiore a Lombardia e Emilia Romagna, superiore al Veneto e sovrapponibile a Marche e Piemonte. Considerando la demografia e il periodo di circolazione sostenuta, in Liguria si osserva una mortalità inferiore a quanto rilevato nelle regioni con un quadro epidemiologico simile”.

leggi anche
ospedale lavagna asl4
Il caso
Morto di Covid-19 dopo tampone negativo, Usb: “Chiudere il reparto dell’ospedale di Lavagna”
coronavirus alassio
Via bertora
Muore a 26 anni dopo giorni di febbre alta: il medico di base aveva chiesto il tampone. La Asl3: “Non ci risulta”
Generica
Il dato
Coronavirus, all’ospedale San Martino un lavoratore su 6 è risultato positivo al tampone
Generica
Perché?
Coronavirus, Pd: “La Liguria ha usato metà dei tamponi a disposizione”. Toti: “Non è così, arrivati negli ultimi 10 giorni”
coronavirus laigueglia
I numeri
Aprile mese nero a Genova: quasi il doppio dei morti del 2019, uno su tre positivo al coronavirus

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.