Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, le disposizioni per gli uffici dei servizi demografici del Comune a Genova

Più informazioni su

Genova. In questo periodo di emergenza per COVID19 i Servizi Civici comunali e municipali sono stati riorganizzati per poter continuare a svolgere la propria funzione.

Per quanto riguarda i MUNICIPI vengono garantiti i servizi di stato civile dichiarati indifferibili (denunce di morte, le autorizzazioni ai trasporti funebri ed alla sepoltura e le dichiarazioni di nascita), i quali sono erogati attraverso i consueti uffici di Sampierdarena (Centro Ovest), Molassana (Media Valbisagno), Pontedecimo (Valpolcevera), Sestri Ponente (Medio Ponente), Voltri e Pegli (Ponente), Quarto (Levante).

In particolare viene garantita, tutti i giorni, l’apertura al pubblico dei seguenti uffici di stato civile: Molassana (Media Valbisagno), Pontedecimo (Valpolcevera), Voltri (Ponente), Quarto (Levante). Tutti gli orari di apertura si possono trovare al seguente link del sito istituzionale: http://www.comune.genova.it/municipi.

I servizi di anagrafe dei Municipi (Santa Fede – Centro Est, Sampierdarena – Centro Ovest, Piazza Manzoni – Bassa Valbisagno, Molassana – Media Valbisagno, Pontedecimo – Valpolcevera, Sestri Ponente – Medio Ponente, Voltri / Pegli / Prà – Ponente, Quarto – Levante) garantiscono la loro operatività da remoto in smartworking pur non essendo aperti al pubblico. Anche in questo caso orari di operatività, numeri telefonici e modulistica si possono trovare sul sito istituzionale: http://www.comune.genova.it/municipi.

Per alcuni documenti non occorre né recarsi agli sportelli né contattare gli uffici per il rinnovo. Ricordiamo infatti che è stata prorogata automaticamente al 31 agosto 2020 la validità dei documenti d’identità scaduti, o in scadenza, dallo scorso 17 marzo, e che tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile restano validi sino al 15 giugno 2020.

L’amministrazione comunale ricorda anche che gli iscritti allo SPID, il sistema pubblico di identità digitale, possono comunque ottenere la maggior parte dei certificati di anagrafe e stato civile attraverso i servizi on line del Comune di Genova, collegandosi al link https://smart.comune.genova.it/servizi_online.

Si possono ottenere inoltre le certificazioni di anagrafe e stato civile disponibili on line presso le edicole convenzionate con il Comune e distribuite su tutto il territorio cittadino. Per le modalità, l’elenco e gli indirizzi: https://smart.comune.genova.it/contenuti/edicole-40 e il numero verde 800085324.

Per comodità ecco un elenco di servizi e le modalità attraverso le quali possono essere richiesti:
Certificazioni d’anagrafe e di stato civile
– on line mediante autentificazione sistema SPID
– presso le edicole convenzionate
Variazioni anagrafiche, iscrizioni anagrafiche e cambi di abitazione
Possono essere richiesti per email specificando la tipologia e utilizzando la modulistica indicata sul sito dei Municipi http://www.comune.genova.it/municipi
Autentiche di fotografia, autentiche di copia e di firma nonché le dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà per le quali è richiesto il rilascio in presenza
E’ possibile inoltrare la richiesta per email come specificato sul sito dei Municipi http://www.comune.genova.it/municipi. Alla riapertura degli uffici i cittadini saranno contattati per fissare un appuntamento.

Chi ha necessità può contattare telefonicamente gli uffici decentrati per segnalare eventuali urgenze ed ottenere così suggerimenti per la risoluzione delle problematiche.

“Desidero ringraziare per la disponibilità ed il grande senso civico dimostrato dagli uffici municipali in questo periodo difficile di emergenza – sostiene il Consigliere Delegato ai Municipi, Lilli Lauro –. Senza il prezioso apporto da parte di tutti, cittadini compresi, non saremmo in grado di affrontare, con efficienza ed efficacia, un tale periodo di criticità mai riscontratosi nei tempi moderni.”