Consigli utili

Coronavirus, il video dimostrativo di Bassetti: “Ecco perché è così facile essere contagiati”

L'infettivologo, aiutato da infermieri e assistenti sanitari del policlinico, spiega cosa succede simulando l'infezione col colore

Genova. Un po’ di tempera rossa e il gioco è fatto. Sta facendo il giro del web il video in cui Matteo Bassetti, primario della clinica di malattie infettive del San Martino di Genova, dimostra in modo pratico e intuitivo quanto è facile passare il virus da una persona all’altra.

L’infettivologo, aiutato da infermieri e assistenti sanitari del policlinico, spiega cosa succede simulando l’infezione col colore: una persona infetta inizia a tossire e tocca un collega, poi il virus passa su un cellulare, da una mano viene contaminata una superficie plastica, e da lì si deposita sul tasto dell’ascensore. A quel punto basta toccarsi gli occhi o il naso e si viene contagiati.

Per questo, ricorda Bassetti, è importante lavarsi le mani con gel alcolico o semplicemente acqua e sapone “e soprattutto la mascherina che è in grado di contenere il virus”.

Un altro video è stato realizzato dai professionisti del San Martino per spiegare i comportamenti corretti da adottare. Eccolo:

leggi anche
violenza anziani maltrattamenti
Statistiche
Coronavirus, in Liguria rischio altissimo: siamo la seconda regione più anziana d’Europa
Generica
Numeri
Coronavirus, da inizio emergenza al San Martino guariti metà pazienti di Malattie infettive
Generica
Problema
Coronavirus, Bassetti: “Stallo sul Remdesivir, ora gli Usa si tengono tutti i farmaci”
Generica
L'intervista
Coronavirus, la strigliata di Bassetti in diretta: “Altro che scuole, bisognava chiudere gli anziani in casa”
Generica
Statistiche
Coronavirus, al reparto di malattie infettive del San Martino morto un paziente su quattro
Generica
Terapia
Coronavirus, beffa per la Liguria: “Esclusi dalla sperimentazione del Remdesivir per curare i malati”
matteo bassetti
Da monitorare
Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: “Possibili danni permanenti per i guariti”