Ingegno

Coronavirus, azienda genovese si riconverte per produrre visiere protettive: “Così non chiuderemo”

Alla Nuova Algis di Bolzaneto un'idea per sopravvivere alla crisi: "Ne produrremo 50-100mila entro fine aprile, vogliamo dare un aiuto alla comunità"

Genova. Dagli adesivi per le moto alle visiere per proteggersi dal coronavirus. È la storia di un’azienda genovese, la Nuova Algis con sede a Bolzaneto, che si è inventata da zero una nuova produzione per evitare la crisi e la cassa integrazione. “Siamo rimasti qualche giorno cercando di capire cosa sarebbe successo – racconta Mauro Ispulla, titolare della società che ha fondato nel 1990 insieme al fratello Walter -. Ma, anziché piangerci addosso, abbiamo cercato qualcosa da far fare ai nostri ragazzi per non doverli lasciare a casa”.

Un capannone in via Giuseppe Morasso vicino al casello autostradale, circa 4mila metri quadrati di superficie produttiva, una lunga storia nel settore della stampa serigrafica e digitale. Targhe, cartelloni, insegne pubblicitarie, etichette, adesivi, decorazione di veicoli. Soprattutto nel campo dei motori grazie alla collaborazione con la società “sorella” Blackbird Racing di Alessandro Merlo, che tra i clienti illustri vanta la Omp Racing di Ronco Scrivia, fornitrice di accessori per moto e auto da corsa in tutto il mondo.

Poi l’arrivo della pandemia, il blocco di gran parte della produzione (anche se il codice Ateco consente di restare aperti) e il 70% dei dipendenti, una cinquantina in totale tra le due società, finisce in ferie forzate. Ma la necessità aguzza l’ingegno e così nasce l’idea di Face Shield, come l’ha battezzata il settore marketing: una semplice visiera in Pet (lo stesso poliestere usato per le bottigliette di plastica) dello spessore di 300 micron, sostenuta da un elastico che passa dietro alla testa e tenuta in posizione da una fascetta all’altezza della fronte.

Generica

“L’abbiamo fatta con materiali che avevamo già in casa – racconta Ispulla -. Il suo principale vantaggio è che si può alzare di novanta gradi senza doversela sfilare e la può indossare agevolmente anche chi porta gli occhiali“. Tra chi ha già preso contatti con la Nuova Algis per testare la visiera c’è il centro Covid-19 di Bari, che vorrebbe valutarla in alternativa ai presidi medici sempre più scarsi. “In realtà non è un vero e proprio dpi, perché non ha alcuna certificazione sanitaria – precisa il titolare -. Ma secondo noi potrà essere molto utile alla comunità, soprattutto a tanti lavoratori che vorranno proteggersi quando riprenderanno le attività”.

Il procedimento di produzione è piuttosto semplice. Si parte da un foglio di Pet, lo stesso che si usa ad esempio per i frontalini dei visori a cristalli liquidi, un macchinario apposito lo taglia secondo i disegni sviluppati al computer, una stampatrice speciale crea il logo interno, e infine un addetto specializzato assembla a mano tutte le componenti: la visiera, la fascetta, l’elastico e i bottoni che lo fissano alla parte schermante. Tutti strumenti che l’azienda utilizzava già, ma rivisitati per uno scopo totalmente diverso.

Generica

“Entro la prossima settimana pensiamo di produrre i primi 5mila pezzi, ad oggi siamo quasi a 500. Nel mese di aprile ne faremo dalle 50 alle 100mila, a seconda delle necessità del mercato. Per noi è un prodotto totalmente nuovo, ci stiamo organizzando per essere più veloci possibile”. In questo modo non solo i macchinari resteranno in funzione evitando i costi ben più pesanti della chiusura, ma “da lunedì faremo tornare al lavoro 10-15 persone che avevamo già messo preventivamente in ferie”. E mentre gli uffici sono deserti, i grafici lavorano da casa in smart working e così anche gli amministrativi che dovranno ora gestire la nuova produzione.

Ma se qualcuno volesse comprare la visiera Face Shield, dove la trova e quanto deve pagare? “Sui costi stiamo ancora ragionando, ma il prezzo al pubblico sarà sui 7-8 euro – prosegue Ispulla – mentre per quanto riguarda la distribuzione stiamo cercando di proporla a farmacie, ferramenta, grande distribuzione e varie aziende dell’industria e dell’artigianato. Al momento si può ordinare online sul nostro sito o sui nostri canali social”. Anche il packaging sarà curato dalla Nuova Algis, tenendo in casa l’intero processo.

Generica

E mentre una parte della produzione nel settore moto sta andando avanti per non farsi trovare impreparati quando finirà la serrata, l’azienda sta già pensando a nuove idee per sopravvivere in tempi di crisi: allo studio ci sono una mascherina lavabile in tessuto e materiale grafico con le indicazioni di sicurezza per evitare il contagio, in previsione di una notevole richiesta da parte delle imprese. “Vogliamo essere chiari: la nostra azienda non vuole trarre un margine di guadagno – commenta Ispulla -. Vogliamo solo coprire i costi del materiale e quelli del personale che sta tornando al lavoro. Così cerchiamo di fare la nostra parte per dare un aiuto alla comunità”.

Più informazioni
leggi anche
mascherine coronavirus
Sostegno
Coronavirus, la Regione: “Aiuteremo le aziende che si riconvertono per produrre mascherine”
Mascherine in arrivo da Cosco
Necessità
Coronavirus, Confindustria: “Alle aziende genovesi servono quasi 2 milioni di mascherine”
Generica
Emergenza
Coronavirus, in tutto il mondo è caccia alle mascherine: in Liguria tre aziende pronte a produrle
Scuole disinfettante Coronavirus
Risvolti
Coronavirus, nelle aziende è incubo contagio: lavoro raddoppiato per le imprese di pulizie
presidio fiom bandiera
Non funziona così
Smart working, azienda di Busalla lo consente solo se il dipendente prende ferie o non si fa pagare
Generica
Orgoglio
Da maschera subacquea a dispositivo anti coronavirus, l’idea genovese conquista la certificazione Inail