Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cgil Liguria, la Regione stanzi aiuti straordinari per i lavoratori stagionali del turismo

Un contributo regionale che si affianchi ai 600 euro del governo sarebbe una boccata di ossigeno per tante famiglie

Più informazioni su

Genova. Destinare un contributo alle migliaia di lavoratrici e lavoratori stagionali del settore turismo della Liguria che in questo momento non stanno lavorando. E’ questa la richiesta avanzata da Federico Vesigna e Giovanni Bucchioni, segretario generale Cgil Liguria e segretario Filcams Cgil Liguria, nell’incontro di oggi con l’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino.

“La situazione di emergenza sanitaria sta mettendo in ginocchio il settore del turismo: tutto il settore ricettivo è chiuso, alberghi e ristoranti a causa del lockdown non possono chiamare il personale stagionale che è rimasto senza stipendio” affermano i sindacalisti “occorre un contributo straordinario che la Regione deve affiancare ai 600 euro procapite stanziati dal Governo con il Cura Italia”.

“In questo momento – spiegano dal sindacato – un contributo regionale che si affianchi ai 600 euro del Governo, è una boccata di ossigeno per tante famiglie e la Cgil propone di utilizzare le risorse del Patto per il Turismo siglato con le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria nel febbraio 2018 e prorogato al maggio 2019. Il Patto prevedeva contributi alle imprese che assumono personale con contratti di almeno 8 mesi, in modo da poter dare la possibilità ai lavoratori di chiedere l’indennità di disoccupazione per i restanti mesi dell’anno.

Nelle precedenti edizioni del Patto la Regione aveva messo a disposizione 3 milioni di euro all’anno, cifra confermata anche per la seconda edizione. Non essendoci più le condizioni per una terza edizione del Patto, la richiesta della Cgil è di investire diversamente queste risorse e di utilizzarle per sostenere il reddito dei lavoratori stagionali del turismo che sono senza stipendio, concludono Cgil e Filcams Cgil Liguria.