Quantcast
Solo a genova

“Ce l’hai l’autocertificazione?”, e il cinghiale se ne va. Passeggiata ‘selvaggia’ ai tempi del coronavirus

L'incredibile 'dialogo' tra un ungulato e un genovese

Genova. L’incontro casuale tra uomo e cinghiale non è cosa rara a Genova, anzi, ma ai tempi del coronavirus può avere uno nuova sfumatura,

E così, quando alle 16 del pomeriggio si incontra un ungulato in via Berghini, sulle alture di San Fruttuoso, ecco che la prima domanda spontanea è: “Ma ce l’hai l’autocertificazione? Non si può passeggiare, vai a casa”.

La reazione della bestiola, ripresa dal video divenuto virale in pochi minuti, è eccezionale: al cinghialotto sembra mancare solo la parola quando sente il rimprovero del cittadino zelante che lo invita a tornare a casa, mentre con il capo chino si allontana.

Il cittadino, quindi, ha preso alla lettera il consiglio del sindaco Bucci di “sgridare” il vicino di casa, ma alla fine al cinghiale è andata anche bene: di qusti tempi, infatti, poteva incontrare anche chi, dopo averlo fotografato, l’avrebbe denunciato alla pubblica autorità per “passeggiata selvaggia”

Più informazioni
leggi anche
  • "il signore è il mio pastore"
    Molassana, cinghiale ‘devoto’ entra in chiesa e divora gli ornamenti floreali
    cinghiale in chiesa
  • Sotto attacco
    Scappa da un cinghiale, si getta nel canneto e si rompe una gamba: salvato dai vigili del fuoco
    Generica
  • Pericolo
    Quezzi, l’assalto dei cinghiali al cassonetto “lanciato” in strada: auto danneggiate e rifiuti dispersi
    Generica