Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Buoni spesa, Comune in cerca di volontari “al telefono” per aiutare a compilare le domande on line

La fondazione Auxilium, legata alla Caritas, coinvolta dall'amministrazione ha lanciato una call

Genova. Don Marino Poggi, direttore della fondazione Auxilium, ente legato alla Caritas diocesana, ha lanciato una call tra i suoi volontari e tra tutti i cittadini per trovare chi sia disponibile, a partire da domani, a supportare telefonicamente le persone che faranno richiesta del bonus spesa e che abbiano difficoltà a compilare le domande on line.

Ecco la lettera di Don Marino Poggi:

Carissimi, da domani 3 aprile ore 13 a lunedì 6 aprile ore 22 le famiglie e le persone in difficoltà potranno presentare la domanda per ricevere i buoni spesa da parte del Comune di Genova.
Il comune ha chiesto la disponibilità delle associazioni e del terzo settore per poter raggiungere le persone nel più breve tempo possibile, anche in orari inconsueti e nel fine settimana. Come Caritas pensiamo che può essere un piccolo segno da offrire in questa emergenza.
Il Comune ha bisogno di volontari che da casa, muniti di computer collegato ad internet e di cellulare possano mettersi a disposizione per ricevere telefonate da parte di coloro che non sono in grado di compilare la domanda e inviarla in modo autonomo.
La disponibilità richiesta sarà a partire da domani 3 aprile ore 14 a lunedì 6 aprile ore 22, le disponibilità saranno divise per giornata e in tre turni, così impostati: primo turno: 8-13, secondo turno 13-18 e terzo turno 18-22.
PER ADERIRE POTETE TELEFONARE AL NUMERO DELLA CARITAS: 010 2477015 – DALLE 9 ALLE 13 E DALLE 14,30 ALLE 17,30 da oggi giovedì 2 aprile fino a domani venerdì 3 aprile fino alle ore 13.
I volontari dovranno essere maggiorenni con capacità relazionali e in grado di compilare la domanda on line. Il vostro numero di cellulare non verrà reso pubblico e l’anonimato sarà garantito da parte del comune di Genova. Inoltre le dichiarazioni del richiedente sono sotto la sua totale responsabilità e quindi il volontario sarà completamente manlevato da eventuali false dichiarazioni.
Il contatto telefonico seguirà questa modalità: le persone che non si grado di compilare la domanda potranno telefonare ad un numero reso disponibile del comune di Genova che, a sua volta, dirotterà le chiamate ai vari volontari disponibili.
Da quello che siamo riusciti a capire il comune farà una breve formazione on line per i volontari.