Da pelle d'oca

Bella Ciao, W la resistenza (anche a casa) nel video del Millelire Gospel Choir

Per questo 25 aprile 2020 hanno voluto dedicare un'esecuzione dell'inno partigiano per eccellenza: un'esecuzione da brividi

Genova. Nato nel 2000, fondato dal direttore Andrea Porta, il Millelire Gospel Choir di Genova è una formazione corale mista costantemente cresciuta in qualità e apprezzamento da parte di pubblico e critica.

Per questo 25 aprile 2020, una Festa di Liberazione completamente inedita e forse zoppa a causa delle limitazioni dovute all’emergenza pandemica i “Millelire” hanno voluto dedicare un’esecuzione dell’inno partigiano per eccellenza: Bella Ciao. “In questo periodo difficile vogliamo sentirci insieme come abbiamo sempre fatto, cantando e intonando quei valori che uniscono tutti noi. W il 25 aprile!”, scrivono sulla loro pagina Facebook.

Nel video compaiono tutti i componenti della formazione, ognuno da casa propria, e perfettamente intonati danno vita a un canto collettivo realizzato grazie alla tecnologia. L’arrangiamento e la direzione sono di Andrea Porta. Il mixaggio audio di Silvano Meneghelli. Il montaggio video di Daniele Stoppani. Il Millelire Gospel Choir ha partecipato a numerose rassegne coristiche internazionali. Si esibisce spesso a Genova, in diverse location, anche per scopi benefici.

leggi anche
bucci bisca
Gli appuntamenti
Una piazza virtuale per il 25 aprile: interventi e dirette social, alle 15 Bella Ciao cantata da finestre e balconi
Generica
Simbolo
La Lanterna diventa tricolore per il 25 aprile, luci speciali anche per la “festa della bandiera”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.