Quantcast
Colpo d'occhio

Andare al mare al tempo del coronavirus: mascherine, distanze e box di plexiglass? fotogallery

Vedremo questi box di plexiglas sulle nostre spiagge?

box stabilimenti balneari

Genova. Che sarà un’estate diversa già ne siamo consapevoli, ma a questo punto è lecito chiedersi che aspetto avranno le nostre spiagge e in nostri litorali per garantire l’incolumità dei bagnanti, il rispetto delle regole ma anche per portare a casa la stagione?

In Liguria, prima regione italiana, sono partiti gli allestimenti degli stabilimenti balneari, ma dall’Emilia Romagna arriva l’idea di attrezzare le spiagge con box in plexiglass tra un lettino e l’altro, per fermare il temutissimo droplet tra bagnanti.

Un’idea shock, come altrettanto shoccanti sono le prime immagini, soprattutto se poi le si prova ad applicare mentalmente alla realtà: si tratta di box trasparenti realizzati con pareti di plexiglass e profili in alluminio. I box sono quadrati, di 4,5 metri per lato con un “accesso” da un metro e mezzo di ampiezza. Il progetto, messo a punto da una nota azienda del settore, rischia di avere veramente un mercato, spinto anche dalle richieste di sicurezza dell’utenza stessa.

Ad oggi di concreto esisto solo una bozza di protocollo di sicurezza messo nero su bianco ad inizio aprile da Base Balneare, come anticipato nei giorni scorsi su Ivg.it, ma al momento non c’è nulla di effettivamente definito. Possiamo ancora aspettarci di tutto.

leggi anche
  • Ipotesi
    “Box in plexiglass? Infattibili”. Ecco come andremo davvero in spiaggia ai tempi del coronavirus
    box stabilimenti balneari
  • Protezioni
    Coronavirus, il Comune di Genova consegna 75mila mascherine ai suoi dipendenti
    Generica