Quantcast
Paradosso

Via Burlando, lavori fibra ottica non si fermano: obbligati ad uscire per spostare auto

Decine di residenti in giro a cercar parcheggi alternativi

Genova. In attesa del picco epidemico legato alla diffusione del Covid-19 tutto si ferma, ma anche no: i cantieri vanno avanti, tutti, dai più urgenti a quelli meno.

Ed è così che in via Burlando si crea il paradosso: decine di persone obbligate ad uscire di casa per spostare la propria autovettura parcheggiata oramai da giorni, in cerca di un parcheggio alternativo, magari anche a diversi isolati di distanza, in pieno contrasto con il decreto del ministero e la logica di “restare a casa” per fermare il contagio.

Una logica che è stata adottata anche da Amiu, che ha sospeso la pulizia meccanica delle strade appunto per evitare di far uscire i cittadini. Ma la fibra ottica non si può fermare; via Burlando, inoltre, è strada di confine per il quartiere di Staglieno e anche per il municipio IV Media Val Bisagno: uscire dalla strada significa automaticamente uscire da quei confini che anche la procura ha specificato come sensibili.

Certo, ci sarà il buon senso di chi è chiamato a far rispettare le regole, ma sono in molti a segnalare questo paradosso: “Viviamo una situazione surreale in cui le persone sono costrette a casa ma devono scendere in strada per spostare l’auto e parcheggiarla chissà dove, rischiando sanzioni per il mancato rispetto del divieto di sosta – sottolinea Roberto D’Avolio, presidente del Municipio Media Val Bisagno – Questa è pura follia, è assurdo che questi lavori vadano avanti in una strada come Via Burlando che già normalmente soffre problemi legati ai parcheggi. Usiamo il buon senso”.

leggi anche
Cantiere terzo valico maggio 2018
Stop
Coronavirus, si ferma il Terzo Valico: cassa per lavoratori cantiere Cravasco