Quantcast
Oltre al danno...

Smart working, le bollette schizzano. Quanto ci costa il decreto “Io resto a casa”?

Stare di più a casa significa consumare più elettricità e gas

smart working

Genova. La diffusione del Coronavirus nel Nord Italia e la successiva decisione di chiudere scuole e Università ha portato da un lato all’applicazione dello smart working, per le attività lavorative che lo consentono, dall’altro alla diffusione dello smart learning.

Secondo uno studio di SosTariffe.it la maggior permanenza a casa produrrà un aumento del 29,6% sulla luce e del 22,1% sul gas per quanto riguarda i consumi dei single. Le coppie subiranno un aumento del 21,8% sulla luce e del 22,2% sul gas, mentre per le famiglie è stato stimato un aumento del 32,4% sull’energia elettrica e del 31,9% sul gas.

Lo studio ha preso in considerazione tre diverse tipologie di profili, ovvero i single, le coppie e le famiglie. Per ognuno, il portale di comparazione tariffe, ha stimato la spesa annua per le utenze, partendo dai dati dei costi di luce e gas, relativi a marzo 2020, del mercato tutelato.

In periodi normali tra il tempo impiegato sui mezzi e quello riservato all’attività lavorativa in sé, in genere si è soliti trascorrere almeno 10 ore del proprio tempo lontani da casa: si pranza fuori e non si consuma gas in cucina, così come non si utilizzano i principali elettrodomestici durante il giorno, che in genere hanno anche un costo più alto per tutti quei clienti che hanno una tariffa di tipo biorario.

leggi anche
smart working
Replica
Coronavirus, smart working solo se prendi ferie? L’azienda: “Solo un piccolo sacrificio”
smart working
Conversione
Comune di Genova: il 53% dei dipendenti lavora in smart working, in ufficio rimasti in 436