Quantcast
Blitz

Immigrazione clandestina in Liguria, in arresto banda di trafficanti italo-albanesi

La base logistica era nel capoluogo ligure, ma l'organizzazione operava nelle città di Palermo, Savona e Imperia

Genova. Associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. Con queste accuse i carabinieri di Genova alle prime luci di Genova hanno arrestato otto persone, quattro italiani e quattro albanesi, e imposto misure restrittive ad altri 18 indagati nell’ambito di una vasta operazione. La base logistica era nel capoluogo ligure, ma l’organizzazione operava nelle città di Palermo, Savona e Imperia. Il traffico di migranti aveva carattere transnazionale.

Le indagini sono scaturite da una rapina “a mano armata” a Genova il 30 luglio 2018 ai danni di una sala giochi, per una somma totale di 12mila euro. Gli autori, un uomo e una donna, facevano parte di un’organizzazione specializzata nel traffico di immigrati clandestini, come accertato dai carabinieri. I malviventi si facevano pagare dai mille ai 12mila euro per procurare false identità a cittadini albanesi accompagnandoli, attraversando le province di Genova, Savona e Imperia, in Svizzera o in Inghilterra attraverso la Francia.

L’organizzazione aveva sviluppato un articolato network, sia a Genova che nelle altre provincie citate, avvalendosi, a vario titolo, dell’operato di altri 18 collaboratori, alcuni dei quali residenti a Palermo. I “Siciliani” avevano il compito di provvedere a quanto necessario per la creazione di generalità fittizie e la realizzazione di documentazione illegale in favore degli immigrati clandestini, comprese abitazioni, autovetture, utenze telefoniche (intestate a sconosciuti), generando così un traffico di affari illeciti di diverse decine di migliaia di euro al mese.

Nel corso delle indagini, in collaborazione con la polizia di frontiera francese e la Polaria di Palermo, sono state arrestate in flagranza di reato, a vario titolo – a riscontro delle attività investigative – quattro persone per immigrazione clandestina.

Più informazioni