Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Edilizia, il Comune di Genova abbatte i tempi di attesa per le pratiche: da 113 a 44 giorni

Il prossimo step sarà la digitalizzazione di tutto l'archivio dal 1942 a oggi

Più informazioni su

Genova. Da 113 a 44 giorni: nel 2019 il Comune di Genova è riuscito grazie a un lavoro di sburocratizzazione a più che dimezzare i tempi per il rilascio di permessi a costruire. Stamani a palazzo Tursi il bilancio dei primi mesi di entrata in vigore delle novità introdotte per venire incontro ai cittadini e alle imprese. “Solo il 33% dei procedimenti veniva concluso entro il termine dei 90 giorni previsti per legge – ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci – ora vogliamo ridurre i tempi ulteriormente, evitare che professionisti e investitori vadano altrove, e applicare queste innovazioni ad altri settori”.

La riduzione di questi tempi era uno degli obbiettivi dell’amministrazione comunale dall’inizio del mandato. Le operazioni, su vari fronti, sono frutto di un tavolo tecnico di semplificazione costituito, oltre che dal Comune, dal collegio dei Geometri, l’ordine dei Geologi, il collegio dei Periti, Ance e la soprintendenza. “Vogliamo ridurre i tempi nel 2020 rientrando nel termine dei 40 giorni per tutti gli altri procedimenti edilizi – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Simonetta Cenci – in questa stessa direzione anche l’accordo siglato con la soprintendenza per stabilire in anticipo se sia necessario il parere per interventi su edifici vincolati”.

Il prossimo step sarà la digitalizzazione. Il Comune ha bandito la gara per salvare su piattaforma l’intero archivio dei progetti approvati dal 1942 a oggi, in tutto 350 mila. Entro fine anno sarà digitalizzato il primo lotto, per una spesa di 600 mila euro. Nel triennio il costo dell’operazione raggiungerà i 2,4 milioni. Il vantaggio per i professionisti sarà che potranno consultare le pratiche online saltando molti passaggi.

Nel 2019 lo Sportello unico per l’edilizia di Genova ha esaminato 6862 pratiche edilizie, di cui 6670 sono autocertificate. “Chi faceva il nostro mestiere un tempo lo faceva nonostante la pubblica amministrazione, oggi si sta iniziando a farlo anche grazie alla pubblica amministrazione – commenta Filippo Delle Piane, presidente genovese di Ance Genova – resta un solo aspetto su cui dobbiamo lavorare e quando dico dobbiamo intendo le istituzioni ma anche noi imprenditori e i professionisti, il numero di permessi rilasciati a costruire a Genova è ancora irrisorio , dobbiamo capire se era per la farraginosità delle norme, per il quadro economico, o per la scarsità di intraprendenza nostra.