Rivoluzione

Coronavirus, tutto il padiglione A del Galliera per i contagiati: stop ai parti

Le partorienti andranno al Gaslini. Sospesa anche l'attività chirurgica non urgente

Genova. Il padiglione A dell’ospedale Galliera di Genova ospiterà interamente pazienti con patologie riconducibili alle Malattie infettive. Lo ufficializza l’agenzia sanitaria regionale Alisa dettagliando le azioni avviate nell’ospedale nell’ottica del ‘Piano incrementale azioni urgenti’ predisposto per favorire il contenimento dell’epidemia di Coronavirus.

È in corso di valutazione e predisposizione, da parte della task force ligure in materia di coronavirus, viene poi spiegato, e sentito il Diar materno infantile e gli specialisti, lo step previsto per la ricollocazione temporanea del punto nascita nella rete metropolitana, in particolare presso l’Istituto G. Gaslini.

Da venerdì 13, spiega Alisa, si è provveduto alla ricollocazione dei pazienti dai reparti di Geriatria e Medicina in altre aree dell’ospedale e alla contestuale apertura del quarto piano del padiglione A. Sono stati attivati progressivamente 4 posti letto di rianimazione presso le sale operatorie del primo piano del Blocco operatorio centrale, in corrispondenza della Recovery room.

L’attività chirurgica operatoria non urgente è stata sospesa da venerdì 13 alle 20 a data da destinarsi, come l’attività del pre-ricovero chirurgico. L’attività del Cup è stata concentrata in un solo punto (Cup1 al padiglione B8, ingresso via A. Volta 6). Sono stati infine modificati gli accessi con la chiusura di alcune portinerie

leggi anche
  • Servizio
    Coronavirus, attivato un numero verde per gli anziani in Liguria
  • Ancora...
    Coronavirus, Toti: “Pazienti in coda al pronto soccorso, così danneggiate voi stessi e gli altri”
  • Racconto
    A 27 anni in prima linea contro il coronavirus: “Il 95% di chi arriva è contagiato, tra loro intere famiglie”