Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, sulla Msc Opera contagiati medico di bordo e infermiere: il fronte critico delle navi in porto

La protezione civile regionale si trova a gestire il caso della nave "contaminata" ma anche lo sbarco dei marittimi da un'altra crociera Msc

Genova. Resta critica la situazione a bordo delle navi da crociera Msc, Splendida e Opera, ormeggiate a Genova. Opera, arrivata a Genova il 27 febbraio, è dichiarata “nave contaminata”. Nei giorni scorsi uno dei marittimi a bordo è deceduto per Covid-19 e a oggi le persone a bordo risultate positive sono 16. Non solo, una di queste ha dovuto essere ricoverata, si trova ora all’ospedale Galliera, e tra i positivi ci sono anche il medico di bordo e un infermiere. Situazione critica, dunque, perché è difficile far sbarcare una nave con positivi a bordo, soprattutto trattandosi di persone straniere. I passeggeri erano sbarcati ormai oltre un mese fa, dopo che a ognuno di loro era stata misurata la temperatura.

A parlare della questione Msc Opera, oggi, durante il consueto punto stampa in sala trasparenza, l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone. “Abbiamo chiesto alla compagnia di incrementare l’assistenza medica a bordo e la avremo spero entro domani con due sostituti da altre navi non contaminate, al momento a bordo ci sono 160 persone, ma è difficile gestirle. Bisogna infatti arrivare a eseguire i tamponi, anche su cittadini extracomunitari, e poi farli sbarcare naturalmente solo se saranno negativi e rinviarli nel paese di provenienza”. L’obbiettivo della protezione civile regionale è restare con non più di 90 marittimi a bordo di Opera per garantirne il funzionamento ma oggi questo obbiettivo non sembra semplice né immediato.

L’altro fronte è quello di Msc Splendida, arrivata a Genova tre giorni fa con a bordo 1200 marittimi. Anche a bordo di Splendida ci sono alcuni positivi al Coronavirus ma non si parla di cluster di contagio. “Abbiamo qualche criticità a reimpatriare indiani e filippini ma la buona notizia è che domattina faremo scendere dalla nave una cittadina francese positiva che porteremo alla frontiera con il 118 e con il trasporto dedicato, è un bel segnale perché abbiamo la collaborazione dall’ambasciata di Francia”.