Quantcast
Tutti a casa

Emergenza coronavirus, tutta Italia è “zona protetta”

Conte: "Le nostre abitudini vanno cambiate ora". Misure in vigore da domani mattina

Roma. “Non ci sarà più una zona rossa, non ci sarà più zona uno e zona due, ma un’Italia zona protetta. Saranno da evitare gli spostamenti salvo tre ragioni: comprovate questioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte annunciando la firma di un nuovo decreto ancora più stringente. Scuole e università chiuse fino al 3 aprile. In aggiunta ci sarà anche un divieto di assembramento all’aperto o in locali aperti al pubblico. 

Anche a Genova e in Liguria, dunque, sarà sostanzialmente vietato spostarsi se non per ragioni di lavoro o assoluta necessità. Il decreto entra in vigore domani mattina, 10 marzo. Vale sempre il meccanismo dell’autocertificazione per dimostrare in occasione di eventuali controlli la ragione dello spostamento. Chi dichiara il falso, ha ricordato Conte, va incontro a conseguenze penali.

“I numeri ci stanno dicendo che abbiamo una crescita importanti dei contagi e delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora, dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia e dei nostri cari, lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo subito se collaboreremo e ci adatteremo subito a queste norme più stringenti”, ha detto Conte. Il nuovo decreto, ha aggiunto, si riassume con le parole “Io resto a casa“.

Le misure valide finora per le zone “rosse” della Lombardia e del Nord Italia sono ora estese a tutto il Paese. Chi ha febbre a 37,5% e sintomi da infezione respiratoria deve stare a casa e contattare il medico curante, limitando il più possibile i contatti sociali. Chi è in quarantena ha il divieto assoluto di uscire di casa: in caso di violazione si rischia anche il carcere.

Sospeso il campionato di calcio. Chiuse le palestre, le piscine e tutti i centri ricreativi. Stop a tutte le manifestazioni e gli eventi, comprese le celebrazioni religiose. Chiusi i musei e tutti i luoghi della cultura. I bar potranno tenere aperto fino alle 18 e dovranno garantire il rispetto della distanza minima di un metro tra le persone. Rimangono chiuse discoteche, pub, sale giochi e assimilati. Nei giorni festivi stop a supermercati e centri commerciali. 

Più informazioni
leggi anche
aula scuola
In tutta italia
Coronavirus, scuole chiuse almeno fino al 3 aprile per ogni ordine e grado
Generica
Boom
Coronavirus, la fuga dei turisti in Liguria: in due ore 4mila segnalazioni per autodenunciarsi
Generica
Senza confini
Coronavirus, ecco come abbiamo “violato” la zona rossa: nessun controllo ai confini della Liguria
carcere marassi
A genova
Carceri in rivolta per coronavirus: due detenuti in isolamento a Genova, ma “situazione tranquilla”
Il coronavirus svuota locali e bar a Genova
Misure strong
Coronavirus, scatta il coprifuoco: anche a Genova bar e ristoranti chiusi alle 18
Generica
Misure
Coronavirus, blindato il cantiere del nuovo ponte: “Stop visite e misurazione della febbre agli operai”
Generica
Unica alternativa
Coronavirus, ristoranti chiusi al pubblico alle 18: la sera potranno consegnare a domicilio
carta identità elettronica
La guida
Coronavirus: cosa cambia a Genova per matrimoni, sepolture e documenti anagrafici