Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, la paura degli anziani: “Vivono con la tv accesa e sanno che potremmo infettarli”

Il racconto di Raffaella Callegari, che fa l'operatrice domiciliare per Agorà: "Non potrei fermarmi anche se ho paura, per loro noi siamo la loro famiglia"

Più informazioni su

Genova. “Anche prima del Covid ero consapevole dei rischi di tipo sanitario che porta con sé il mio lavoro, ma è il mestiere che ho scelto e anche se un po’ di paura ovviamente ce l’ho non ho mai pensato di fermarmi perché per quelle persone io sono parte della famiglia”. Raffaella Callegari è un’operatrice socio-assistenziale che svolge il servizio domiciliare per la cooperativa Agorà. E’ una dei tanti operatori che a Genova si occupa di una delle categorie più fragili, soprattutto con l’esplosione dell’emergenza coronavirus: gli anziani.

“La paura la avvertiamo tutti, noi operatori e soprattutto loro, gli anziani che vivono costantemente con la tv accesa e sanno che potremmo essere proprio noi a portar loro il virus che può ucciderli”. Al momento Raffaella segue cinque persone per una o due ore al giorno: “Per spostarmi da un utente del servizio a un altro uso i mezzi pubblici – racconta – spesso strapieni perché le corse sono ridotte e il rischio di contagio lì è effettivamente alto.

Cosa è cambiato in queste settimane? “Il nostro lavoro non è cambiato ovvio, nonostante i rischi. Abbiamo guanti, mascherine – anche se troppo poche, igienizzanti ma quando hai a che fare con una persona allettata o a cui devi dare da mangiare non puoi rispettare la distanza di sicurezza e il rischio lo senti. Dal punto di vista umano qualcosa cambia perché non ci sono più i gesti affettuosi e il calore che c’era prima ma loro sono ovviamente contenti di vederci, a me alcuni di loro chiamano, mi chiedono come sto, si raccomandano che io vada e non ho mai pensato di fare altrimenti”. Arrivata a casa Raffaella si lava, si cambia e i vestiti finiscono i lavatrice con il Napisan: “Mi lavo le mani continuamente e tra guanti e gel sono distrutte. Speriamo che tutto questo passi in fretta”.

“E’ un momento estremamente difficile per i nostri operatori – racconta Sonia Bruzzone, responsabile del servizio domiciliare di Agorà – ma nessuno di loro ha chiesto di fermarsi o ha rifiutato un servizio. Li abbiamo dotati di dispositivi di protezione individuale che non bastano mai e per fortuna martedì il Comune ci ha chiamato per farci ritirare un po’ di mascherine appena arrivate.

Al momento Agorà ha alcuni operatori in quarantena: “Non sono quelli domiciliari come Raffaella – spiega Bruzzone – ma i cosiddetti custodi, cioè quelli che si occupano per un certo numero di utenti della spesa, dell’accompagnamento alle visite mediche e della somministrazione dei farmaci”. La situazione purtroppo è in evoluzione e anche se al momento nessuno degli anziani in carico ad Agorà è stato colpito dalla malattia “ci sono forse in ballo un paio di casi positivi e di conseguenza gli operatori dovranno andare in quarantena”.

Accanto agli anziani seguiti più assiduamente perché si trovano in condizioni fisiche o psichiche pregare poi ci sono quelli che stanno meglio: “Vanno in giro fregandosene dei divieti e soprattutto del rischio di contagi e su cui non abbiamo ovviamente il minimo controllo”.