Quantcast
Delirio

Coronavirus, nella notte folla in coda ai supermercati. Toti: “Non serve, spesa si può fare” fotogallery

L'inedito provvedimento del governo ha spaventato molte persone

Genova. Diverse decine di persone, questa notte a Genova come in tutta Italia, si sono recate in massa ai supermercati h24 per fare scorta di cibo e alimenti vari.

Un comportamento che nasce da una interpretazione eccessiva di un provvedimento governativo, sicuramente inedito per la nostra storia, che, arrivato nella serata di ieri, ha spaventato molte persone. Prevedibilmente.

A provare a rassicurare le persone il governatore Giovanni Toti, che con un post nel cuore della notte ha ricordato come “il sole sorgerà anche domani, non c’è alcun bisogno di assaltare, men che meno nel cuore della notte, i supermarket aperti: i negozi saranno aperti, come i supermercati e le rosticcerie. Si potrà uscire a fare la spesa e comprare ciò che ci serve – ha sottolineato – Semplicemente basterà seguire le regole: uscire se dobbiamo andare a lavorare o se abbiamo bisogni veri, come appunto fare la spesa per sé e le proprie famiglie. Anche ristoranti e bar saranno aperti per chi sarà fuori per lavoro e dovrà mangiare qualcosa a pranzo. Dunque nessun timore. Stiamo tranquilli, seguiamo le regole, e passeremo anche questa”.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Misure
Coronavirus, blindato il cantiere del nuovo ponte: “Stop visite e misurazione della febbre agli operai”
carta identità elettronica
La guida
Coronavirus: cosa cambia a Genova per matrimoni, sepolture e documenti anagrafici
spesa in campagna finale giornata agriturismo
Servizio
Coronavirus, a Genova arriva la spesa a domicilio per chi non può uscire di casa
Coronavirus, anche a Genova è assalto ai supermercati
Questione
Coronavirus, la richiesta dei sindacati alla Regione: “Chiudere i supermercati la domenica”