Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, le merci non si fermano: “Camionisti a rischio contagio, servono mascherine”

I sindacati: "Chiediamo più rispetto e prevenzione, questi lavoratori reggono l'intero Paese"

Più informazioni su

Genova. Fornire mascherine e dispositivi di protezione ai trasportatori, che continuano a lavorare anche con l’emergenza coronavirus per garantire il transito delle merci. È la richiesta unitaria che i sindacati di settore hanno rivolto alle aziende per “lavoratori più esposti di altri al contagio, che attraversano l’Italia e le città quotidianamente” e perciò “devono essere messi in condizione di poter svolgere il proprio lavoro con strumenti consoni all’emergenza in atto”.

Chiediamo rispetto e prevenzione per questi lavoratori che reggono con il loro lavoro l’intero Paese – scrivono in una nota le segreterie liguri di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti -. I trasporti non si fermano, ma intanto si comincia a registrare un importante calo in tutta la filiera nel traffico delle merci internazionali e nazionali e proprio in conseguenza di ciò è necessario che il Governo preveda e predisponga da subito strumenti efficaci e necessari a fronteggiare quella che potrebbe rivelarsi una grave emergenza occupazionale”.

“Ora più che mai è evidente che l’occupazione di questa categoria di lavoratori, che svolgono un servizio essenziale per la popolazione, va tutelata e sostenuta con specifiche risorse dedicate. A tutte le lavoratrice e lavoratori del settore logistica, trasporto merci e spedizione va il nostro ringraziamento per il prezioso lavoro che stanno svolgendo per l’intera nazione”, concludono i sindacati.