Questione

Coronavirus, la richiesta dei sindacati alla Regione: “Chiudere i supermercati la domenica”

Cgil, Cisl e Uil: "Carico delle merci avvenga a mercato chiuso o a corsie chiuse"

Coronavirus, anche a Genova è assalto ai supermercati

Genova. Cgil, Cisl e Uil confederali e di categoria hanno chiesto a Regione, Ascom, Confesercenti, Federdistribuzione e Lega Coop Liguria di chiudere i supermercati la domenica e di contenere l’apertura al pubblico nelle 12 ore giornaliere.

I sindacati hanno poi chiesto che il carico delle merci avvenga a mercato chiuso o a corsie chiuse e che gli orari di lavoro consentano al personale di non dover spezzare l’orario per la pausa pranzo in modo da poter stare fuori casa il minimo indispensabile.

“La grave e difficile situazione in cui versa il Paese e la nostra Regione, non può ricadere totalmente su questi lavoratori”, affermano i sindacati, segnalando che sono esposti ad alti tassi di stress e pericolo, in molti casi lavorando ben oltre il normale orario contrattuale (40/50 ore settimanali). Questi lavoratori e lavoratrici hanno bisogno di riposare: i negozi devono rimanere aperti e questa è la soluzione per continuare a farlo”, concludono Cgil, Cisl e Uil.

 

leggi anche
Generica
Follia
“Mia moglie è in quarantena per coronavirus”, e sputa in faccia al cassiere del supermercato
Generica
La guida
Coronavirus: dal supermercato al ferramenta, ecco tutti i negozi che troverete sempre aperti
folla supermercati coronavirus
Delirio
Coronavirus, nella notte folla in coda ai supermercati. Toti: “Non serve, spesa si può fare”
Generica
Psicosi?
Coronavirus, anche a Genova è assalto ai supermercati. E c’è chi fa la spesa con la mascherina

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.