Dati

Coronavirus, dal Nord Italia alla Liguria: in una settimana 7mila segnalazioni alla Regione

Ma non sono tutte mail di autodenuncia

Genova. Sono circa 7mila le segnalazioni di “autodenuncia” pervenute all’indirizzo e-mail messo a disposizione da Regione Liguria per le persone provenienti da Lombardia, Piemonte, Veneto e altre aree del nord Italia inserite tra le “zone rosse” nel primo decreto del premier Conte, ora valido per tutto il territorio nazionale.

“Non son tutte mail di autodenuncia – ha precisato il governatore Giovanni Toti che ha reso noto il dato -. Alcune persone hanno semplicemente spiegato le ragioni della propria presenza in Liguria: c’è chi è qui per lavoro e chi, nonostante abbia una residenza altrove, vive quasi sempre nella nostra regione”.

Del resto, come ha ricordato Toti, l’obbligo di restare chiusi in casa non riguarda più solo i turisti del Nord Italia che avevano “invaso” la Liguria, ma l’intera popolazione: “Con il nuovo decreto Conte tutti i cittadini, anche liguri, devono uscire solo per comprovate ragioni di lavoro, motivi di salute o necessità”.

Più informazioni
leggi anche
  • Tutto ok
    “C’è il coronavirus, state a casa”, ma in autostrada tutti in coda verso il mare della Liguria
  • Boom
    Coronavirus, la fuga dei turisti in Liguria: in due ore 4mila segnalazioni per autodenunciarsi
  • Senza confini
    Coronavirus, ecco come abbiamo “violato” la zona rossa: nessun controllo ai confini della Liguria
  • Fermati
    Coronavirus, turisti in fuga dalla zona rossa tentano di imbarcarsi su un traghetto a Genova