Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, controlli dei carabinieri dal centro all’entroterra alle Riviere: altre 9 denunce per il mancato rispetto del decreto

A Santa Margherita due abitanti di Lodi passeggiavano tranquilli. Controlli anche nei bar chiusi dopo le 18

Più informazioni su

Genova. Dopo le otto denunce del primo giorno dall’entrata in vigore del Dpcm che vieta gli spostamenti senza giustificato motivo per far fronte all’emergenza Coronavirus, nel pomeriggio di ieri i carabinieri hanno organizzato un nuovo servizio di controlli che hanno riguardato il centro cittadino ma anche l’entroterra e le riviere.

Nove in tutto le persone denunciate in base all’articolo 650 del codice penale. In particolare si tratta di due cittadini della Costa d’Avorio, di 31 e 38 anni, sorpresi in via XX Settembre senza un giustificato motivo, un 29 enne idraulico di Masone, che si stava recando senza un giustificato motivo a Campo Ligure, presentando un’autocertificazione con dichiarazioni false; – un 23 enne e un 38 enne di Bargagli , i quali, fornivano una giustificazione che non rientrava in quelle previste, una 62 enne e il figlio di 28 anni, entrambi di Lodi che passeggiavano in centro a Santa Margherita ligure, privi di certificazione e senza alcuna motivazione valida. Erano fra l’altro arrivati alcuni giorni addietro, omettendo di segnalare la propria presenza in Liguria come disposto da circolare regionale; una coppia di impiegati entrambi di 66 anni, fermati in centro a Sestri levante, senza essere in grado di giustificare il loro spostamento in quel comune per le ragioni previste dal decreto.

Ancora, in nottata è stato denunciato un marocchino, di 31 anni, arrestato mentre stava rubando su un veicolo in sosta, è stato anche denunciato per il 650. Infine sono stati denunciati una paraguayana di 44 anni e un marocchino di 24 anni, sorpresi all’interno di un bar a Molassana dopo le 18,.