Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, anche gli addetti pulizie e mensa negli ospedali vogliono le mascherine: “Abbiamo paura”

La richiesta dei sindacati: "Non dimenticatevi di questi lavoratori, anche loro sono esposti al contagio"

Più informazioni su

Genova. Mascherine e dispositivi di protezione individuale non solo per il personale sanitario, ma anche per gli operatori della ristorazione e delle pulizie all’interno degli ospedali. Lo chiedono i sindacati alla Regione nel giorno in cui vengono consegnate in piazza De Ferrari le 50mila mascherine donate dalla compagnia cinese Cosco per gli ospedali liguri.

Abbiamo paura. Non solo per noi stessi o per i nostri familiari. Abbiamo paura di diventare possibili veicolatori del virus sia dentro che fuori dagli ospedali, mentre torniamo a casa con i mezzi pubblici o mentre ci fermiamo a fare la spesa in qualche supermercato”, è l’appello dei lavoratori.

“Ancora ieri e nei giorni scorsi – spiegano Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti – abbiamo scritto unitariamente a direzioni sanitarie, protezione civile, Prefetto di Genova e Regione Liguria al fine di richiedere misure di prevenzione e tutela anche di queste maestranze che, ricordiamo, svolgono in appalto un lavoro preziosissimo per la sanità pubblica e quindi per i cittadini”.

“Pensate se in questi giorni non andasse a lavorare chi igienizza gli ambienti ospedalieri o chi effettua il servizio di ristorazione. Questi operatori continuano a gravitare all’interno dei reparti e nelle camere dei nostri ospedali, entrando in costante contatto con personale sanitario e pazienti, mentre le aziende in appalto non riescono più a reperire mascherine idonee per proteggerli”.

“La Regione e le direzioni sanitarie non dimentichino una parte fondamentale della forza lavoro sovraesposta al contagio all’interno degli ospedali liguri, perché la tutela della salute di ogni singolo lavoratore, oltre ad essere un principio inderogabile e valido per ogni tempo, oggi diventa elemento che tutela nel medesimo istante il bene comune di tutta la cittadinanza”, conclude la nota.