Quantcast
Innovazione

Coronavirus, all’istituto comprensivo Teglia lezioni virtuali per non restare indietro

Alla primaria in Valpolcevera le lezioni vanno avanti sulla piattaforma Zoom grazie alla collaborazione con Helpcode Italia e associazione Prometeo

Generica

Genova. A seguito dell’emergenza sanitaria dovuta alla comparsa sul nostro territorio di alcuni casi di Coronavirus e della decisione delle autorità competenti di chiudere le scuole di ogni ordine e grado in Liguria fino a mercoledì, Helpcode Italia Onlus, in collaborazione con l’Associazione Prometeo, ha avviato un’iniziativa volta a contrastare l’isolamento dei bambini costretti a casa e a supportare le famiglie interessate.

Da qualche giorno, all’Istituto Comprensivo di Teglia, in Valpolcevera, gli alunni delle classi V della scuola primaria possono frequentare lezioni virtuali attraverso la piattaforma online Zoom, ripassando gli argomenti imparati in classe attraverso laboratori di coding. Un metodo innovativo e interattivo che permette agli studenti di memorizzare gli argomenti affrontati in classe, stimolare la creatività e, soprattutto, imparare divertendosi.

«L’intervento che stiamo portando è molto importante, perché va al di là della funzione didattica in senso stretto – spiega Alessandro Bartoletti, responsabile Progetti Italia di Helpcode – Stiamo contrastando l’isolamento dei bambini, che in questo modo ritrovano uno spazio – sia pure virtuale – di socializzazione con i propri coetanei. Stiamo passando un messaggio di normalizzazione: continuare con le attività quotidiane e viverle insieme ai compagni è possibile, anche in una situazione di emergenza. In questo modo i bambini possono sentirsi meno soli, e parte di una comunità che li sostiene e li tutela».

Il progetto, che andrà avanti almeno fino a domani, ha come fine il ripasso degli argomenti principali che lo studente ha svolto durante le lezioni in classe, individuati sulla base delle indicazioni fornite dagli insegnanti curricolari. Tali argomenti vengono affrontati attraverso programmi come Scratch e Minecraft, metodi ludico-didattici che aiutano nell’apprendimento e contribuiscono a sviluppare nel bambino competenze informatiche e grafiche.

Grazie a questo progetto, si aiutano gli studenti rimasti a casa a combattere l’isolamento “forzato” e a proseguire il loro iter scolastico, supportando al contempo le famiglie in questo momento di difficoltà. Il messaggio che si vuole veicolare è quello dell’esistenza di una comunità solidale, che si fa carico dei problemi nel loro complesso e che non lascia soli i ragazzi a confrontarsi con scenari preoccupanti come quello attuale: il segno di una presenza attiva, di una quotidianità che va avanti – insieme – anche in un momento di crisi. La dimensione ludica del progetto, inoltre, contribuisce ulteriormente al miglioramento dell’ambiente di apprendimento e di socializzazione dei bambini oggetto dell’intervento grazie all’utilizzo ed allo sviluppo del pensiero computazionale, inteso come momento di espressione della creatività propria di ogni bambino.

Helpcode Italia Onlus è un’organizzazione non governativa, con sede a Genova e operante in Italia e all’estero (Nepal, Cambodia, Mozambico, Iraq, Yemen, Libia, Tunisia, Repubblica Democratica del Congo) con interventi sia emergenziali che di sviluppo. Gli interventi di Helpcode sono focalizzati sull’educazione e la protezione dell’infanzia. Dal 2018, Helpcode è attiva nel settore dell’innovazione tecnologica a fini didattici e inclusivi. Dal 2019 collabora con l’associazione Prometeo per portare il coding e la digitalizzazione nelle scuole italiane ed estere.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Classe 2.0
Coronavirus, il Nautico San Giorgio prova a “fare scuola” nonostante lo stop tra lezioni su youtube e compiti via chat
coronavirus Alassio
Il punto
Coronavirus, in Liguria scuole aperte da mercoledì ma solo con disinfettante fuori dalle aule
Scuole disinfettante Coronavirus
Caos
Coronavirus, rebus sulla riapertura delle scuole: disinfettante introvabile e prezzi alle stelle