Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, al San Martino 275 ricoverati: anche il Maragliano si svuota e diventa reparto Covid-19

Bassetti disloca infettivologi a Villa Scassi, Voltri e sulla nave ospedale Gnv Splendid

Genova. Continua la riorganizzazione interna dell’ospedale San Martino per far fronte all’emergenza coronavirus. Il padiglione Maragliano da domani alle 14 sarà trasformato in struttura “cuscinetto” per pazienti Covid a bassa intensità di cura. Saranno 28 i posti disponibili al secondo piano, 20 al quinto piano. Gli attuali degenti sono stati trasferiti in altre aree della struttura, nel pieno rispetto delle loro condizioni cliniche.

Al momento sono 275 i pazienti ricoverati al San Martino per coronavirus. Sono 40 i ricoverati in Malattie Infettive, 43 nelle 3 rianimazioni del Policlinico + 3 pazienti in sub intensiva, 30 al Padiglione 10, 82 al Padiglione 12, 29 al 5° piano della palazzina laboratori, 48 quelli gestiti al 1° piano del Pronto Soccorso.

Il reparto di Malattie Infettive del professor Bassetti ha dispiegato sul territorio le sue forze lavoro, destinando due infettivologi a Villa Scassi, due a Voltri e uno a bordo della nave attraccata in porto.

L’ufficio tecnico dell’ospedale, a fronte delle grandi quantità di ossigeno utilizzate nel corso dell’emergenza, ha provveduto in mattinata a rifornire la struttura di 20mila litri di ossigeno, attraverso una consegna straordinaria a mezzo cisterna.

Sono stati sottoposti a tampone, a due giorni dall’attivazione del servizio a domicilio, 20 professionisti che erano risultati precedentemente positivi. Il servizio è stato sviluppato dal San Martino, per permettere di immettere nuovamente forze lavoro dopo il rispetto dei periodi di quarantena. Anche il direttore del 118, Francesco Bermano, è rientrato nella sua abitazione dopo la degenza forzata.

Attivato dall’Urp il servizio che permette ai parenti dei pazienti ricoverati in Malattie Infettive di reperire informazioni sulle condizioni di salute dei propri cari isolati, a prescindere dai canali privati. Il servizio è stato attivato grazie al team di psicologi coordinati dalla dottoressa Biffa e dal dottor Orengo della Qualità.