Quantcast
Ufficio 2.0

Coronavirus, al colosso Rina scatta lo smart working per tutti i dipendenti

La misura non è legata a casi di contagio o a casi sospetti ma fortemente caldeggiata per motivi precauzionali

Nuova sede Rina Consulting

Genova. I dipendenti sono stati avvisati via mail ieri sera, quando ormai gran parte di loro stava per spegnere il computer. Da oggi al Rina, una delle principali aziende genovesi, si lavora da casa. La misura non è obbligatoria e non è legata a casi di contagio o a casi sospetti, ma fortemente caldeggiata per limitare il rischio.

Lo smart working, possibile per la società, che conta nelle due sedi del capoluogo ligure (quella nuova in via Cecchi e quella in via Corsica) oltre 1000 dipendenti, sarà possibile senza limiti di ore fino al 15 marzo, almeno questa è la scadenza del provvedimento, al momento.

La decisione dell’azienda è stata motivata da ragioni cautelative e preventive. Inoltre la società già da tempo ha implementato i software gestionali e i propri sistemi per consentire un agevole lavoro da casa, a prescindere dall’emergenza Coronavirus.

leggi anche
Nuova sede Rina Consulting
Crescita
Rina, 6 milioni di investimento su Genova per la nuova sede in “stile Google”
smart working
Conversione
Comune di Genova: il 53% dei dipendenti lavora in smart working, in ufficio rimasti in 436
Solidarietà
Coronavirus, dirigenti Rina offrono ai dipendenti 850 giorni delle proprie ferie