Quantcast
Nervi tesi

Coronavirus, a Quezzi lite in coda alla farmacia: “Non stai rispettando la distanza di sicurezza”

Sul posto polizia locale e carabinieri, sulla piazza diversi anziani in strada come sempre

Genova. Animi tesi e nervi a fior di pelle in questi giorni di isolamento forzato per l’emergenza coronavirus. Dopo le aggressioni nel weekend a Rivarolo e in via Canevari le forze dell’ordine sono dovute intervenire stamattina in largo Merlo, nel quartiere di Quezzi, per una lite in strada.

Tutto sarebbe nato, secondo le testimonianze di alcuni residenti, tra le persone in coda per entrare in farmacia, una delle poche attività che restano aperte. Un uomo, indispettito perché a suo dire un’altra persona non rispettava la distanza di un metro, ha iniziato a gridare. La lite è degenerata e gli abitanti hanno chiamato i soccorsi.

Sul posto è arrivata la polizia locale che ha controllato le generalità delle persone coinvolte. Nella piazza, però, continuano a stazionare numerose persone, soprattutto anziane, che si godono la giornata all’aria aperta nonostante il divieto di uscire e senza fare la spesa nei negozi.

Più informazioni
leggi anche
  • Fame?
    Rivarolo, follia da coronavirus: ubriaco sfonda il vetro di una pizzeria e sputa al titolare
  • Follia
    “Mia moglie è in quarantena per coronavirus”, e sputa in faccia al cassiere del supermercato
  • Art. 650
    Coronavirus, 40 denunce dei carabinieri in provincia di Genova: controlli per fermare i turisti
  • Art. 650
    Coronavirus, controlli dei carabinieri dal centro all’entroterra alle Riviere: altre 9 denunce per il mancato rispetto del decreto
  • Novità
    Coronavirus, mascherine requisite. Viale ringrazia i farmacisti: “Grande senso di responsabilità”
  • Pizzicati
    Sestri Ponente, trovati in giro a vendere droga: arrestati (anche) per spaccio
  • Dramma
    “Se non mi ammazza il coronavirus mi ammazza la solitudine”, così gli anziani affollano le farmacie