Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un lavagnese scelto tra i testimonial per la campagna ‘Operazione Risorgimento Digitale’

Più informazioni su

Genova. C’è anche il lavagnese Rafael Alberto Patron Sanguineti, guru del web per il Tigullio ma ormai ampiamente affermato in campo nazionale, tra i testimonial scelti da Tim per promuovere il progetto “Operazione Risorgimento Digitale”, una vasta campagna, a livello italiano, indirizzata all’alfabetizzazione informatica e che l’azienda di telecomunicazioni porta avanti nel nostro paese insieme a Google.

Rafael Patron, noto soprattutto per aver creato uno degli algoritmi poi sviluppati da Snapchat, la celebre piattaforma per la messaggistica istantanea utilizzata soprattutto dalle giovanissime generazioni, parlerà della sua professione, degli obiettivi raggiunti e dei progetti futuri nel corso della presentazione ufficiale, per la Liguria, della campagna regionale di “Operazione Risorgimento Digitale”.

L’appuntamento è per domani, martedì 19 febbraio 2020, presso il Palazzo del Principe di Genova, per l’iniziativa “La trasformazione digitale in Liguria”. Patron, che tra le sue molteplici attività è anche docente presso lo IED, il prestigioso Istituto Europeo di Design di Milano, parteciperà al panel intitolato “Imprese e startup: il digitale per la crescita economica”.

Nato in Perù e giunto in Italia da bambino, l’apprezzato professionista del digitale si è formato in Google, a San Francisco, prima di aprire la sua attività in Liguria. Oggi dà lavoro a cinque persone e, tecnicamente, si definisce un growth hacker, ovvero uno specialista nel campo del social media marketing e del SEO, in grado di assistere aziende e privati nel promuovere la propria immagine e le proprie attività sul web, nel metodo e nella maniera più congeniali, e secondo le più moderne strategie di comunicazione.

Anche in virtù delle sue capacità, Patron è stato scelto da Tim come testimonial. Il progetto “Operazione Risorgimento Digitale” è, in pratica, una sorta di “scuola mobile di Internet”.