Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sicurezza, il piano di Tursi per gli attraversamenti della Val Bisagno. Municipio: “Bisogna fare in fretta”

Sono tanti gli attraversamenti considerato pericolosi nella vallata

Genova. Quali sono i tempi precisi di intervento previsti dall’amministrazione per la messa in sicurezza degli attraversamenti più critici presenti sul territorio della Media Val Bisagno? A chiederlo ieri in Consiglio comunale il Partito Democratico, facendo seguito alla mozione approvata in Sala Rossa lo scorso giugno.

“Gli uffici hanno già una mappa delle criticità, è stato approntato un piano di potenziamento di alcune vie e nel Municipio IV Val Bisagno interessano via Molassana, Bobbio e Mogadiscio – ha risposto l’assessore Campor – Alcuni potenziamenti sono già stati eseguiti, anche in quelle zone dove ci sono alberature, e sono in corso le pitturazioni delle strisce pedonali. Queste azioni sono coordinate nel Piano di manutenzione stradale. Abbiamo già predisposto una lettera con la quale chiediamo ai Municipi di informarci continuamente sulle criticità che rilevano».

Ma nel frattempo, in Val Bisagno, attraversare la strada resta una delle attività più pericolose: “E’ passato già un anno e mezzo da quando abbiamo presentato i progetti – commenta Roberto D’Avolio, presidente del relativo municipio – e non si è mosso nulla, speriamo che la tempistica sia rispettata, e come municipio monitoreremo: bisogna investire sull’illuminazione pubblica, soprattutto per gli attraversamenti pedonali”.

“Si tratta di un problema urgente su cui la giunta non ha mantenuto i suoi impegni – attacca Cristina Lodi – È vero che i cittadini devono osservare comportamenti corretti per la strada, ma è altrettanto vero che occorre un supporto da parte del Comune per mettere in atto tutte le condizioni necessarie di sicurezza. E questo non è avvenuto. Oggi in aula l’assessore Campora si è impegnato di intervenire entro l’estate, ci auguriamo che in questi mesi non si verifichino nuovi incidenti”.