Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rugby, Serie A: Cus Genova battuto a Grugliasco dal Cus Ad Maiora risultati fotogallery

Biancorossi sconfitti col punteggio di 36 a 12

Genova. Sul campo Albonico di Grugliasco, con l’arbitraggio di Leonardo Masini di Roma, si è giocato il recupero della quinta giornata del campionato di Serie A tra Cus Ad Maiora Rugby e Cus Genova, che era stato rinviato per neve lo scorso 24 novembre.

I torinesi, che sono in corsa per le posizioni di vertice, hanno fatto valere la loro caratura ed hanno conquistato i 3 punti, scavalcando così la Pro Recco e portandosi al terzo posto solitario.

I biancoblù si sono imposti per 36-12. Da segnalare il rientro sul terreno di gioco tra le fila dei padroni di casa di Alessio Lozzi, rimasto lontano dal campo per due anni a causa di un lungo infortunio.

I padroni di casa partono un po’ contratti e per la prima metà di gara non riescono praticamente mai ad avere la palla in mano trovandosi in netta difficoltà in mischia e in touche. Non a caso è proprio Genova a passare in vantaggio, 0-7. La reazione dei locali, però, non si fa attendere e l’inerzia del match inizia a cambiare rotta. Un calcio piazzato di Reeves accorcia le distanze, 3-7, e appena 2’ dopo una grande intuizione di Columba spiana la strada a Cruciani che è abile ad andare in meta. La trasformazione di Reeves, poi, regala il momentaneo 10-7. Poco prima della mezz’ora i torinesi mettono a segno un’altra meta. Determinante ancora una volta un’iniziativa di Columba che regala a Guzman la palla per andare in meta. Ancora Reeves trasforma ed il Cus Torino vola sul 17-7, chiudendo con questo punteggio la prima frazione.

Nella ripresa Genova prova a tornare in partita cercando di guadagnare terreno in mischia e in touche, ma al 14° una meta di maul messa a terra da Caputo e trasformata da Reeves fissa il punteggio sul 24-7. Una ventina di minuti dopo arriva la meta del bonus, sempre di maul, ma questa volta messa giù da Pedicini, 31-7. A 3’ dalla fine il Cus Genova va in meta, ma senza trasformarla (31-12). Sull’ultima azione del match i biancoblù chiudono definitivamente i giochi grazie ad una finta magistrale di Pedicini che beffa la difesa dei liguri, passa la palla a Columba che non deve fare altro che offrirla ad Ursache che va in meta. Il match termina sul punteggio finale di 36-12.

“Abbiamo incontrato qualche difficoltà nella fase iniziale di partita – dichiara Lucas D’Angelo, allenatore dei torinesi – perché il Cus Genova ci ha messo sotto pressione sia in mischia che in touche. Noi, quando siamo riusciti a recuperare la palla o da loro calci o sulla nostra linea difensiva che anche oggi ha funzionato molto bene, siamo riusciti a fare punti. Penso che il dominio territoriale che abbiamo avuto nel primo tempo si è visto nel risultato finale. Nel secondo tempo la situazione è un po’ cambiata e siamo riusciti ad avere un po’ di palloni in più da poter giocare e in quel caso si è visto un gioco un po’ più dinamico. Sul gioco aperto abbiamo sicuramente fatto una buona gara. Il bonus ci ha regalato una gioia in più perché noi stiamo lavorando molto bene sul sistema difensivo, di conseguenza era importante che iniziassimo a fare mete giocando al largo. Ci eravamo riusciti con Alghero e oggi con Genova. Avremo, adesso, due settimane di pausa prima di tornare in campo e la prima la utilizzeremo per abbassare l’intensità e il carico di lavoro allenando i ragazzi in maniera mirata, mentre nella seconda ci concentreremo sull’importante sfida del 16 febbraio contro Parabiago”.

In graduatoria il Cus Genova è ottavo con 12 punti. Domenica 16 febbraio al Carlini ospiterà l’Amatori Alghero per uno scontro diretto per la permanenza nella categoria.

Il Cus Genova ha schierato Bortoletto, Felici, Barry, Pendola, P. Imperiale, Porcile, F. Imperiale, Bertirotti, Mozzi, Garaventa, Gambelli, Chalmers, Pressenda, Migliorini, Mandivenga; a disposizione Barioglio, Giuliano, Rifi, Casella, Gherardi, Davitti, Vimercati, Giacobbe.