Quantcast
In stallo

Regionali Liguria, ennesimo rinvio sull’alleanza Pd-M5s: il vertice decisivo sarà lunedì

Oggi incontro coi parlamentari a Roma, ma si deciderà all'ultimo momento. Nel frattempo il Pd prepara la convention con Orlando

Genova. Lo dicevamo ieri: l’alleanza tra centrosinistra e Movimento 5 Stelle per le regionali in Liguria è appesa a un filo. E quel filo è sempre più sottile anche perché neanche oggi, come filtra dagli ambienti grillini, arriverà la decisione tanto attesa.

A Roma si incontreranno comunque i parlamentari e il facilitatore Danilo Toninelli, ma a quanto pare sarà solo una riunione tecnica operativa e non il rendez-vous annunciato la settimana scorsa. Il vertice decisivo è stato spostato a lunedì, sempre nella capitale, quando ci saranno Alice Salvatore, la candidata scelta su Rousseau, il reggente Vito Crimi e i consiglieri regionali (tutti a favore dell’alleanza tranne Marco De Ferrari). Un’attesa che ora rischia di spazientire i potenziali alleati.

L’ulteriore ritardo complica il lavoro di chi da settimane sta manovrando per cucire un difficile accordo in chiave anti Toti. Anche perché sabato a Genova ci sarà la prima convention del Partito Democratico al circolo remiero di Pra’, luogo simbolico da cui è partita anche la campagna elettorale delle ultime europee. Sul palco ci sarà anche il vicesegretario nazionale Andrea Orlando, uno dei più strenui fautori dell’alleanza, ma anche un papabile candidato del campo progressista se non si consumeranno le agognate nozze coi cinque stelle.

Il verdetto arriverà (forse) nell’ultimo giorno utile, il 10 febbraio, data improrogabile posta dalla segreteria dem guidata da Simone Farello. Un posticipo che probabilmente rientra nella strategia degli oltranzisti – la stessa Alice Salvatore, l’ex ministro Toninelli e una piccola minoranza degli eletti e della base – per fiaccare la controparte e rendere impossibile l’alleanza.

Ed è per questo che intanto, nel centrosinistra, si ragiona da giorni su un piano alternativo. Il bivio, a quel punto, sarà se puntare sull’uomo di partito alla Bonaccini (in pole position c’è Orlando, ma non dispiace nemmeno la sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio) o su uno dei tanti nomi civici spuntati in questi mesi (Comanducci, Bandiera, Anselmi). O magari proprio Ferruccio Sansa, il candidato numero uno per l’eventuale alleanza, gradito ai vertici nazionali del partito ma in grado anche di attirare il voto disgiunto degli elettori grillini.

Più informazioni
leggi anche
  • Impasse
    Regionali Liguria, alleanza Pd-M5S appesa a un filo: i dem tentano l’ultima carta
    Generica
  • Che succede?
    Regionali Liguria, Alice Salvatore non si presenta all’incontro con Pd e sinistra
    Generica
  • Candidature
    Regionali Liguria, Massardo rompe il ghiaccio: “Basta balletti, i liguri non sono merce di scambio”
    Generica
  • Spaccatura
    Regionali Liguria, ultimatum in casa M5s: la prossima settimana decisione sull’alleanza
    Generica
  • La svolta
    Regionali Liguria, il Pd vuole candidare Sansa anche senza alleanza col M5s
    Generica
  • Convention
    Regionali Liguria, il Pd guarda oltre l’alleanza: “Possiamo vincere anche senza M5s”
    Generica
  • Fine dei giochi
    Regionali Liguria, dal M5s fumata nera sull’alleanza ma Orlando tiene in gioco il Pd: “Insistiamo”
    Generica