Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pari fra Sestrese e Taggia, giallorossi ancora primi risultati

Per i verdestellati non arriva lo sgambetto alla capolista. Molte le partite ancora da giocare e tutto può accadere

Finisce senza vinti o vincitori lo scontro al vertice di Promozione Girone A, fra la Sestrese e il Taggia con il finale che lascia invariate le distanze in classifica. Con un pubblico da grandi occasioni le due squadre si affrontano a viso aperto. Parte meglio la squadra di casa con Akkari che calcia al volo sfiorando il palo. Il Taggia replica con Miceli che chiama Rovetta alla respinta non semplice.

Continui i cambi di fronte, con i genovesi che sfiorano il gol con un colpo di testa di Ansaldo che viene respinta dalla traversa. Nel secondo tempo Travella ci prova su punizione, palla che sfiora la traversa. Taggia che si fa preferire nella fase centrale del secondo tempo, mentre i sestresi escono nel finale con gli ospiti che devono difendere e patiscono al punto che Gerbasi rimedia il secondo giallo e lascia i suoi in dieci. Ultima occasione di Anselmo di testa, palla che va vicinissima al gol.

Altro appuntamento di spicco del fine settimana era il derby fra Varazze ed Arenzano con i nerazzurri che non vanno oltre il pari e non riescono così a cercare di accorciare rispetto alle prime due della classe. La sblocca Angella al 30°, ma Bianchi al 70° ristabilisce la parità tenendo vive le speranze di playoff.

Nella giornata dei pareggi arriva un altro 1-1, quello fra Praese e Serra Riccò che metteva in palio punti playoff. Come all’andata le squadre si dividono la posta in palio. Passano in vantaggio i biancoverdi con Salas che al 20° sfrutta un’indecisione dei gialloblù e infila la porta di Belloro. I valligiani riescono a reagire e dopo un paio di belle azione, al 35° Draghici è pronto ad insaccare di testa dopo una spizzata da un difensore locale. Nella ripresa le squadre si equivalgono: Draghici sfiora la doppietta di testa mandando fuori di poco; Salas calcia di poco alto dal limite. Lo stesso Salas viene espulso al 76° per una brutta entrata su Belloro.

Cade il Via dell’Acciao che lascia il passo al Bragno e perde l’occasione per scavalcare proprio il Serra Riccò. Il vantaggio di Falsini in avvio di gara, illude i blugranata che al 53° vengono infilati da Torra. Gol decisivo in pieno recupero di Vejseli che ribalta tutto. Vittoria pesante per il Ceriale contro il Camporosso. I biancoazzurri trovano subito la rete con Setti al 7°. Sfinjari raddoppia al 18°, ma Stamilla riaccende le speranze rossoblù al 34°. Al rientro i cerialesi sono più determinati e vanno presto sul 3-1 con lo stesso Sfinjari. Il Camporosso non trova la reazione ed al 54° con il secondo gol di Setti arriva il definitivo 4-1 Ceriale.

Fondamentale anche la vittoria di stretta misura del Celle sul Legino. I giallorossi ringraziano Sofia che al 76° infila Maruca e regala i 3 punti che consentono ai cellesi di scavalcare la squadra savonese. Risultato ancora più importante se si considera il ko della Veloce a Diano. Martini firma il gol decisivo al 39° ed i granata ora sono a -4 da chi precede.

Passeggiata di salute per il Ventimiglia che affonda una Loanesi in caduta libera. Gara chiusa in dieci minuti in pratica grazie a Rea, Ventre e Salzone che bombardano Grillo e lo trafiggono una volta ciascuno. Al 28° ancora Ventre trasforma il rigore del poker. Al 45° si sbloccano gli ospiti i con un rigore di Cavalire, ma nella ripresa il tiro a segno continua e Ventre ancora due volte e Rea altrettante fissano il definitivo e pesantissimo 8-1 finale.

.