Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Multe per il picchetto alla New Gel, i lavoratori si oppongono e chiedono il processo

Il sindacato Si Cobas lancia un appello cittadino alla mobilitazione

Più informazioni su

Genova. Hanno fatto quasi tutti opposizione al decreto penale che li condannava a multe tra i 4 e i 5 mila euro i lavoratori della New Gel, i sindacalisti del Si Cobas e gli altri manifestanti che il 29 agosto hanno partecipato al picchetto davanti alla sede della New Gel di Bolzaneto.

La scelta è quindi di affrontare un processo per affermare la legittimità del diritto di sciopero.

I decreti penali di condanna emessi dal Tribunale di Genova erano stati in tutto 19. Il reato contestato a tutti è violenza privata aggravata, a cui per gli organizzatori si aggiunge il reato di manifestazione non autorizzata. La protesta era divampata per il mancato rinnovo del contratto di due lavoratori ma chiamava in causa anche le condizioni di lavoro dei dipendenti.

Una quarantina i manifestanti che avevano partecipato alla protesta che era andata avanti tutta la notte, impedendo di fatto ai camion frigo l’ingresso e l’uscita dall’azienda. Alcuni manifestanti avevano acceso falò, incendiando bancali di legno, bloccando per molte ore il traffico nella via. Erano stati i proprietari dell’azienda a sporgere denuncia in Questura.

In vista dei processi il sindacato Si Cobas ha diffuso un appello al confronto cittadino e alla mobilitazione in difesa del diritto di sciopero. “A fronte del quadro tracciato chiediamo l’adesione a un primo momento di confronto cittadino – con luogo e data da definirsi – tra tutti i lavoratori e le realtà interessate che a partire dai decreti penali emessi dalla Procura genovese, siano interessati a prendere posizione e mobilitarsi rispetto l’attacco in atto al diritto di sciopero” scrivono nel lungo documento scaricabile qui.

Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare nuovi decreti penali di condanna per un secondo episodio di picchetti davanti alla stessa azienda, che era stato organizzato alcune settimane dopo. In questo caso ai manifestanti ‘recidivi’, vale a dire che già avevano partecipato ai blocchi di fine agosto, sarà inviato un avviso di conclusione delle indagini preliminari.