Ricorso respinto

Inchiesta su report viadotti, Cassazione conferma interdizione per tecnici Spea

Secondo l'accusa avrebbero prodotto i report senza aver eseguito ispezioni

Viadotto Sori

Genova. La Cassazione ha respinto il ricorso di alcuni dei 10 ex dipendenti Spea, tra tecnici e dirigenti, interdetti dal tribunale del Riesame su richiesta della procura di Genova nell’ambito dell’inchiesta sui falsi report sui viadotti.

Il pubblico ministero Walter Cotugno aveva chiesto due volte arresti e interdizioni ma il gip aveva respinto. Il magistrato aveva fatto appello chiedendo l’interdizione per un anno per tutti. Dopo la decisione degli Ermellini la decisione diventa definitiva e verrà comunicata agli ordini professionali di competenza per l’esecuzione della misura.

Secondo l’accusa, i tecnici non avrebbero eseguito le ispezioni nei cassoni, i tunnel sotto il manto stradale, di fatto dando una valutazione della salute dei viadotti senza avere controllato un elemento importante.

leggi anche
crollo galleria a26
Indagini
Crollo in A26, il sospetto degli investigatori: report truccati anche per le gallerie
torrente sturla vegetazione e vipera
Le carte
Falsi report, l’ad di Spea diede mandato di acquistare i jammer per impedire le intercettazioni
Viadotto Bisagno
Accuse gravi
Falsi report sui viadotti, i giudici: “Autostrade e Spea omettevano i controlli per favorire Atlantia”
Generica
Le indagini
Falsi report sui viadotti, la Procura: “Mancati controlli ben prima del 2013”
viadotto pecetti
Le indagini
Falsi report sui viadotti, il pm: “L’obiettivo era evitare revoca concessioni”
viadotto pecetti
Svolta
Inchiesta viadotti Autostrade, il nuovo ad di Aspi sapeva dei report nascosti. Tomasi: “Ho chiesto io di chiarire”