Quantcast
La protesta

Denunce per gli scontri in piazza Corvetto: il 21 marzo corteo antifascista

"Cinquanta denunce ma il 23 maggio in piazza Corvetto eravamo migliaia" dicono gli organizzatori

Scontro a Corvetto e presidio questura comizio casapount antifascisti

Genova. Corteo antifascista sabato 21 marzo: a convocarlo è Genova antifascista, in risposta ai 50 avvisi di conclusione indagini formalizzati dalla Procura di Genova per i tafferugli scoppiati tra manifestanti antifascisti e polizia in piazza Corvetto lo scorso 23 maggio in occasione del comizio elettorale di Casapound.

“Cinquanta manifestanti denunciati, ma lo scorso 23 maggio in Piazza Corvetto eravamo migliaia” dice Genova antifascista in una nota in cui ripercorre i fatti di quella giornata e ricorda “una piazza eterogenea e determinata a resistere che si è ricompattata per ben 3 volte dopo le cariche ed i lacrimogeni”.

“Lo Stato attraverso le sue istituzioni ha deciso di instaurare un vero e proprio processo politico contro l’antifascismo e l’intero movimento, mirato allo smantellamento di queste coraggiose sacche di resistenza popolare” conclude il comunicato che lancia l’appuntamento del 21 marzo come occasione “per ribadire che i covi fascisti vanno chiusi ad ogni costo e per chiedere l’amnistia per i reati sociali”.

Più informazioni
leggi anche
Scontro a Corvetto e presidio questura comizio casapount antifascisti
Il processo
Scontri Corvetto, uno dei manifestanti arrestati chiede la messa alla prova e risarcisce i poliziotti
Scontro a Corvetto e presidio questura comizio casapount antifascisti
L'analisi
Scontri Corvetto, la nuova “piazza” di Genova e gli errori nella gestione dell’ordine pubblico
Scontro a Corvetto e presidio questura comizio casapount antifascisti
Le indagini
Scontri in piazza Corvetto: chiuse le indagini, 50 antifascisti verso il processo
Scontro a Corvetto e presidio questura
La sentenza
Scontri a Corvetto per il comizio di Casapound, assolto uno dei due manifestanti arrestati in piazza