Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dalla giunta comunale di Genova ok a 390 nuove assunzioni

Tra queste 70 agenti di polizia municipale, 44 amministrativi, 35 insegnanti di scuole d'infanzia e 20 funzionari informatici

Più informazioni su

Genova. Importanti novità nella riunione di Giunta di ieri per quanto riguarda il piano di assunzioni 2020 del Comune di Genova.

Su proposta dell’Assessore al Personale e Pari Opportunità Giorgio Viale è stato in primo luogo approvato il rinnovo, per tutto il 2020, dei 126 contratti di lavoro per il personale assunto per fronteggiare l’emergenza venutasi a creare con il crollo del ponte Morandi. A questi dipendenti (si tratta di agenti di polizia locale, funzionari servizi tecnici e istruttori servizi amministrativi) si affiancheranno 78 nuove unità, anch’esse con contratto fino a fine 2020, che verranno inserite in servizio nel corso delle prossime settimane e porteranno a 204 unità il numero dei lavoratori assunti.

Approvato anche il piano di programmazione del fabbisogno di personale dell’ente 2020/2022 e il conseguente piano annuale di assunzioni per il 2020. L’atto rende possibile procedere a 390 nuove assunzioni: tra queste 70 agenti di polizia municipale, 44 impiegati amministrativi, 35 insegnanti scuola infanzia e 20 funzionari che andranno a potenziare il settore informatica.

“Un piano assunzionale importante, mirato sui giovani, che sta rinnovando il nostro ente e potenziando servizi strategici grazie all’arrivo di professionalità moderne e adeguate alle esigenze della pubblica amministrazione – commenta l’assessore al Personale Giorgio Viale –. Dopo una verifica delle cessazioni volontarie intervenute in questo periodo contiamo di poter arrivare, entro fine 2020, a un totale di circa 550 nuove unità. Lo scorso anno abbiamo assunto 513 persone, quindi in due anni arriveremo a più di mille nuovi ingressi: un investimento sul futuro dell’ente che darà sicuramente un notevole contributo al suo funzionamento e alla qualità dei servizi al cittadino”.