Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, Liguria propone al governo applicazione protocollo di sicurezza estensivo

Procedure non previste dalle direttive sanitarie che la Regione Liguria ha applicato nel caso del cittadino sanremese in autoisolamento

Genova. “Oggi in conferenza delle Regioni all’ordine del giorno è stata inserita la proposta della Liguria di applicare in modo estensivo il protocollo sulla sicurezza per il coronavirus. Verrà illustrata dalla vicepresidente e assessore alla salute Sonia Viale affinché possa essere assunta anche da altre regioni, come forma ulteriore di garanzia per i cittadini”. Lo ha comunicato ieri sera sui social il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti dopo aver aggiornato sulla situazione del cittadino ligure residente a Sanremo sbarcato dalla nave Westerdam, bloccata in Cambogia dove si era manifestato un caso di coronavirus.

“Il cittadino sanremese – sottolinea Toti – si è sottoposto volontariamente, una volta rientrato in Liguria, a isolamento presso la sua abitazione. Una misura non dovuta ma che va apprezzata per l’alto senso civico. Naturalmente Regione Liguria e l’azienda sanitaria Alisa non lo lasceranno solo perché verrà visitato da medici del servizio sanitario nazionale che lo stanno sottoponendo a tutti gli esami diagnostici che ci consentano, ancora prima che il virus sia conclamato, di procedere eventualmente alla quarantena. La persona comunque è sana e ci auguriamo che possa presto abbandonare il suo isolamento. Tutto questo non è previsto dalle direttive sanitarie, ma si tratta di una procedura che Regione Liguria intende adottare interpretando in modo estensivo i protocolli di sicurezza in via precauzionale, a garanzia di chi viene monitorato e dei cittadini”.

Toti spiega che oggi ne parlerà con il governo, suggerendo tali procedure anche alle altre regioni.